31 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 31 Luglio 2021 alle 20:35:00

Cronaca

Tari non pagata, in arrivo pioggia di cartelle

Sollecito-accertamento sulla tassa rifiuti 2013


Nell’ambito dei controlli periodici ed obbligatori,
sui pagamenti dei Tributi comunali, l’Ufficio Tributi
ha verificato i mancati versamenti – totali o parziali – della
tassa sui rifiuti (Tari) dovuta per l’anno 2013.
Ai contribuenti interessati, nei prossimi giorni saranno
recapitate, al proprio indirizzo, le cartelle con valore di
sollecito-accertamento del dovuto.

«Considerato l’elevato numero delle posizioni non regolari
emerse – spiegano dal Comune – sono state attivate
delle procedure che da un lato perseguono l’obbligo della
tassazione e dall’altro tutelano i contribuenti: sia nella
semplificazione degli adempimenti e sia per eventuali
possibili non coincidenze tra il dato comunale e quanto
risulta al contribuente».
A tal fine è stato stabilito che: A) alla notifica della cartella,
se il contribuente verificherà il suo mancato versamento
della Tassa sui Rifiuti dovuta per l’anno 2013 potrà saldare
il dovuto entro 60 gg. senza aggravio di sanzioni ed
interessi; B) decorso tale termine potrà comunque saldare
il dovuto, nei successivi 30 giorni, con l’aggiunta delle
sanzioni e gli interessi in conformità alle disposizioni
del D.lgs. n. 471, n. 472 e n. 473 del 1997; C) Il perdurare
dell’inadempimento, nei termini sopra indicati, comporterà
l’avvio della riscossione coattiva con l’ulteriore aggravio
delle spese di esecuzione oltreché degli interessi di mora
che andranno a maturare.

Per il pagamento saranno allegati alla cartella due modelli
di versamento F24 precompilati di cui solo uno andrà
utilizzato:
a. se si paga entro 60 giorni dalla notifica va utilizzato
l’F24 non comprendente le sanzioni e gli interessi; b. se si
paga decorsi i 60 giorni dalla notifica va utilizzato l’F24
comprensivo delle sanzioni e degli interessi per ritardato
versamento.
Nell’ottica di agevolare al massimo i contribuenti nelle
informazioni e nella semplificazione degli adempimenti
l’amministrazione attiverà delle forme straordinarie di
assistenza così organizzate:

1) presso la sede della Direzione Tributi, in Via Anfiteatro
n. 72 a Taranto, negli usuali orari di orari di apertura degli
sportelli: nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle
ore 9,00 alle ore 12,00 e nei giorni di martedì e giovedì
dalle ore 15 alle ore 16.

2) con l’apertura, fino al 31 dicembre 2018, di sportelli
decentrati dell’ufficio tributi presso le seguenti sedi circoscrizionali:
Talsano-Lama-S.Vito, nei giorni di martedì
e giovedì dalla ore 9 alle ore 12 e dalle ore 15 alle ore 17;
Paolo VI nei giorni di martedì dalle ore 9 alle ore 12 e
dalle ore 15 alle ore 17; Tamburi, nei giorni di giovedì
dalle ore 9 alle ore 12 e dalle ore 15 alle ore 17.

3) senza recarsi presso gli uffici comunali il contribuente
che non riterrà corretti i rilievi dell’amministrazione avrà
sempre facoltà di presentare richiesta di riesame per ottenere
l’annullamento totale o parziale dell’atto: utilizzando
l’apposita modulistica messa a disposizione dall’ufficio
e scaricabile dal sito del Comune di Taranto al seguente
link http://www.comune.taranto.it/index.php/modulistica…
tributi-2, indirizzandola a Comune di Taranto – Ufficio
Tributi, Via Anfiteatro n. 72 a mezzo consegna diretta o
raccomandata a/r o a mezzo Pec: tributi.comunetaranto@
pec.rupar.puglia.it.

4) il contribuente potrà altresì utilizzare l’apposita sezione
on-line dei tributi sul sito istituzionale del Comune di
Taranto, dove, previa registrazione, oltre a poter verificare
la propria posizione, potrà attivare le eventuali istanze di
autotutela.

5) sono in corso di definizione apposite convenzioni con
Caf, associazioni di categoria e professionisti per supportare
i cittadini e le imprese nel corretto adempimento
degli obblighi dichiarativi o richieste di chiarimenti ed
informazioni, attraverso la creazione e fruizione di specifiche
funzioni attraverso il portale on-line dei tributi
comunali; appena tali convenzioni saranno attivate sarà
data comunicazione alla cittadinanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche