25 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 25 Gennaio 2022 alle 22:11:00

Cronaca

​Tromba d’aria: crolla il campanile di una chiesa. Un ferito e danni​

Danni notevoli: alberi sradicati e muri abbattuti


Violenta tromba
d’aria: un ferito e tanti danni.
In piazza Sant’Angelo a Manduria è crollato il campanile della chiesa.

Alberi
secolari sradicati, mansarde di tufo
crollate, recinti abbattuti. Danni alle
attività commerciali e alle macchine
parcheggiate in strada.
la tromba d’aria si è abbattuta ieri
sera nella città messapica intorno
alle ore 20. Come detto in piazza
Sant’Angelo il campanile della chiesa
è crollato nella parte posteriore
risparmiando la strada sottostante
che a quell’ora era trafficata.

Alcuni
detriti sono caduti anche nella vicina
caserma della Guardia di Finanza.
In piazza Giovanni XXIII, invece
sradicati numerosi alberi. Il fusto
dei pini si è abbattuto sulle vetture
parcheggiate in strada spezzando
i cavi della corrente elettrica che
alimenta i pali della illuminazione
pubblica.

La tromba d’aria ha fatto volare tende,
infissi di legno e saracinesche.
Danni alle vetrine e ai locali di un
autosalone situato sulla via per
Oria. La furia del vento ha fatto
crollare anche un tratto di recinzione
in tufi di un supermercato.
I centralini dei vigili del fuoco e
delle forze dell’ordine sono andati
in tilt.
Nella tarda serata di ieri anche un
ferito lieve. E’ il conducente di un
furgone che nel percorrere la via per
Oria ha perso il controllo del mezzo
per evitare le scintille che fuoruscivano
dai cavi elettrici spazzati dal vento. Per fortuna ha riportato solo
lievi ferite.
In allerta vigili del fuoco, poliziotti
e carabinieri.

Partita dalla zona interna e trasferitasi
rapidamente verso la costa
adriatica, la violenta tromba d’aria
in un quarto d’ora si è mossa da
Manduria e Martina Franca fi no a
colpire gran parte della provincia
di Brindisi, distruggendo strutture,
pergolati e muretti, sradicando
gli ulivi secolari e, in alcuni casi
spazzando via le olive, secondo i
primi rilievi dei tecnici di Coldiretti,
accompagnati dai presidenti
provinciali.
Per la Coldiretti “il quadro è apocalittico.
Vedere alberi di dimensioni
notevoli sradicati e le campagne
coperte da un manto di olive è desolante”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche