06 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 06 Dicembre 2021 alle 07:14:52

Cronaca

Causa con Ranieri. Ciraci vince e resta consigliere


TARANTO – “Ciraci è legittimamente consigliere comunale. Anche il tribunale ordinario gli dà ragione”. La notizia arriva direttamente dall’ufficio stampa del consigliere comunale di At6. Il Tribunale di Taranto, infatti, ha respinto il ricorso proposto il 30 agosto scorso dal candidato (primo dei non eletti) Salvatore Ranieri che chiedeva la decadenza dell’elezione di Ciraci. “Una vittoria su tutti i fronti” esulta Ciraci che, dopo il Consiglio comunale e il Giudice per le imprese incassa il via libera del Tribunale ordinario ha riconosciuto la piena legittimità dell’elezione di Ciraci, difeso dall’avvocato Giuseppe Misserini.

“La presunta ineleggibilità addotta dal Ranieri – si legge in una nota – è stata ritenuta infondata in ogni sua articolazione dal collegio giudicante: la Corte ha rilevato che le dimissioni presentate dal Ciraci all’Amiu non rientrano in alcun modo nella disciplina prevista per la cessazione delle cariche e dagli uffici pubblici (che prevede la presa d’atto o l’accettazione da parte dell’amministrazione interessata) e pertanto le dimissioni si sono perfezionate con effetto immediato nell’atto stesso della presentazione”. Sull’argomento si regista anche il commento del consigliere comunale di At6. “Sono lieto che per l’ennesima volta sia stata riconosciuta la totale correttezza del mio operato – afferma Cosimo Ciraci – sulla quale non ho mai nutrito alcun dubbio. Ciò mi consente di svolgere il ruolo di Consigliere Comunale d’opposizione con assoluta serenità”. In conclusione c’è spazio per un “richiamo” al partito: “Rinnovo il mio impegno al servizio della città di Taranto e per il bene comune. Rimango a disposizione del movimento politico nel quale sono stato eletto, il quale però deve essere, con l’impegno di tutti, riorganizzato e rinnovato nelle sue proposizioni per affrontare al meglio le sfide del futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche