Cronaca

​Talsano, scontro sull’ampliamento del cimitero​

​Le parole del consigliere comunale di minoranza​ Tony Cannone

Il cimitero di Talsano
Il cimitero di Talsano

«Ritengo che, ancora una volta,
l’Amministrazione targata Melucci, continui
ad avere una gestione abbastanza allegra della
“res publica” e che la maggioranza, sia pur
ridotta all’osso, non presti molta attenzione
a provvedimenti di una certa importanza e
abbastanza seri per la comunità». Lo afferma Tony
Cannone, consigliere comunale di minoranza
in riferimento al progetto per l’ampliamento
del cimitero di Talsano.

«Lunedì prossimo
è programmata una seduta del Consiglio
comunale ed all’ordine del giorno c’era la
discussione di un affidamento in concessione per
l’ampliamento del cimitero di Talsano. Dicevo
“c’era”, perchè improvvisamente, dall’ordine
del giorno del Consiglio, letteralmente è sparita
la discussione relativa a tale argomento. Ritengo
sia stato messo in pratica un procedimento del
tutto irrituale da parte della presidenza del
Consiglio, che senza convocare la riunione dei
capigruppo, autonomamente e inopinatamente,
ha deciso di procedere all’alienazione del punto
in questione. Alla richiesta di spiegazioni da
parte dei capigruppo, fra cui il sottoscritto,
la stessa presidenza del Consiglio ha indetto frettolosamente un’assemblea per delucidare
in merito – sottolinea Cannone. A fronte di
spiegazioni che lasciavano perplessi e interdetti
i presenti, nella stessa riunione siamo venuti a
conoscenza di una lettera inviata al Comune di
Taranto e fra gli altri anche alla Corte dei Conti,
protocollata il 27 settembre, da parte di una
società, da anni in contenzioso con il Comune,
mai pervenuta ai consiglieri comunali, in cui si
diffida il Comune e i suoi consiglieri a prendere
decisioni in merito alla problematica.

Va da sé
che il fascicolo, quindi, per il quale si sarebbe
dovuto esprimere tutto il Consiglio, risulta, così,
monco e incompleto, tanto da non permettere
agli stessi di esprimersi compiutamente e in
totale sicurezza e coscienza. Da quanto descritto,
si può evincere quanto grave sia questo episodio,
che avrebbe messo in ambascia i consiglieri
comunali tutti. Spero quanto prima che questa
Amministrazione possa avere fine in maniera da
liberare Taranto dall’inedia e dalla superficialità
in cui è piombata. Io, e credo tutta la minoranza,
continueremo a controllare e vigilare su ogni
atto di questa amministrazione ed a portarlo a
conoscenza della di tutta la popolazione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche