Cronaca

Sugli straordinari i riflettori della Guardia di Finanza


TARANTO – I riflettori della Guardia di Finanza sugli straordinari al Comune di Taranto. E’ uno degli sviluppi della maxi inchiesta che ha fatto rumore a Palazzo di Città, quella che ha coinvolto un dirigente e su 44 dipendenti del settore Sviluppo economico e produttivo che ha sede in via Plinio accusati di assenteismo. A luglio i militari delle Fiamme Gialle hanno notificato gli avvisi di conclusione delle indagini a 45 persone. Secondo gli investigatori del Comando provinciale alcuni avrebbero timbrato il cartellino per andare a fare la spesa, altri, invece senza presentarsi al lavoro avrebbero consegnato il badge ad un collega che avrebbe timbrato al loro posto.

Le indagini sono state avviate un anno prima dai finanzieri del Gruppo di Taranto. Utilizzando una telecamera, collocata nei pressi della macchinetta marcatempo, hanno individuato la condotta irregolare dei presunti fannulloni rilevando che venivano illecitamente timbrati i badge personali di servizio anche di persone non presenti negli uffici. Gli impiegati per i quali sarebbero stati indebitamente obliterati i cartellini, sarebbero arrivati sul posto di lavoro successivamente alla loro registrazione in entrata. Adesso potrebbero arrivare ulteriori sviluppi, dopo le rivelazioni dei giorni scorsi sulle ore di straordinario al Comune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche