20 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Ottobre 2021 alle 22:59:00

Cronaca

​Punta una pistola contro il genero: preso un 80enne​

L’anziano con un’ascia ha anche ferito la vittima ad un polso


I carabinieri hanno arrestato un
80enne per lesioni personali e minacce aggravate
nonché detenzione illegale di una pistola a salve
modificata e idonea allo sparo.
Sono stati i militari della Stazione di Ginosa e
dell’Aliquota radiomobile della Compagnia di
Castellaneta a fermare l’anziano.

I carabinieri, a seguito di una segnalazione giunta
al numero di emergenza della centrale operativa
della Compagnia di Castellaneta, si sono recati
presso l’abitazione dell’uomo che, per futili motivi,
aveva prima colpito con un’ascia il genero di
trentasette anni, procurandogli una ferita al polso,
e successivamente lo aveva minacciato di morte
con una pistola.
Giunti sul posto, dopo aver accertato che
effettivamente il trentasettenne aveva riportato una
ferita al polso e che l’ottantenne era in evidente
stato di agitazione, a seguito di una perquisizione
domiciliare hanno rinvenuto e sequestrato due
pistole a salve di cui una semiautomatica con
canna modificata, idonea allo sparo e pronta per
l’uso in quanto carica con un proiettile calibro 32
in canna e due nel caricatore, che l’anziano aveva
nascosto all’interno del camino sotto la cenere, e
una a tamburo con cinque proiettili a salve che
l’uomo aveva nascosto all’interno del giardino.

L’ottantenne che ha confessato ai carabinieri
intervenuti sul posto di aver minacciato con
una pistola e poi colpito con un ascia il genero
trentasettenne è stato arrestato e, dopo le formalità
di rito, su disposizione dell’autorità giudiziaria,
è stato condotto nella casa circondariale del
capoluogo jonico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche