31 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 31 Luglio 2021 alle 13:54:00

Cronaca

​Tenta un furto e cade dal balcone, muore un tarantino​

Un 38enne è precipitato nel vuoto per sfuggire all’arresto


Non ce l’ha fatta il
38enne tarantino A.D.B. che un
mese fa era caduto da un balcone,
per sfuggire all’arresto dei carabinieri,
dopo aver tentato un furto
nella biblioteca di Casalbordino, in
provincia di Chieti.
L’uomo è deceduto all’ospedale
di Lanciano.

Il trentottenne tarantino era stato
più volte aiutato anche dalla Caritas
nei momenti di maggiore difficoltà.
Il tentato furto è avvenuto nella
notte tra il 26 e il 27 luglio scorsi,
quando A.D.B. aveva deciso di introdursi
nella biblioteca comunale
di piazza Garibaldi per rubare un
televisore e un computer. L’arrivo
dei carabinieri aveva però fatto
fallire i suoi piani e il 38enne, per
evitare l’arresto, aveva pensato di
fuggire dal balcone del primo piano
dell’edificio.
La caduta però gli è stata fatale:
l’uomo ha sbattuto la testa e riportato
varie fratture.

E’ stato trasportato prima all’ospedale
San Pio di Vasto e poi al Santo
Spirito di Pescara, dove aveva dato
segni di miglioramento.
E’ stato successivamente trasferito
al Renzetti di Lanciano nel quale
è morto dopo un mese. Nella goirnata
di ieri il suo cuore ha cessato
di battere.
Secondo l’autopsia disposta dall’autorità
giudiziaria ed eseguita dal
medico legale, non ci sarebbe nessuna
patologia traumatica letale
riconducibile alla caduta nel vuoto.
Sono stati eseguiti diversi prelievi su organi e tessuti per un accurato
esame istologico, i cui risultati non
arriveranno prima di tre mesi.
Non si esclude l’insorgere di una
nuova patologia che abbia di fatto
aggravato il quadro clinico del
trentottenne tarantino
La salma dell’uomo è stata riconsegnata
ai familiari. I funerali del
trentottenne saranno celebrati a
Taranto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche