18 Gennaio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Gennaio 2021 alle 06:47:33

Cronaca

Ilva, «Noi in utile già dal 2019»

Mathieu Jehl ed il nuovo corso del siderurgico targato ArcelorMittal


Un «potenziale gigantesco»,
«asset di prima categoria»
anche se ora «dobbiamo intervenire
sulla manutenzione, sui ricambi»,
perchè se «fino ad oggi la sfida è
stata sopravvivere, da domani la sfida
è cambiare».
In una intervista a Il Sole24 Ore,
Mathieu Jehl, ceo di ArcelorMittal
Italia, parla del futuro industriale e
produttivo del siderurgico di Taranto
targato “Am”, e lo fa in termini
positivi, dopo «cinque anni molto
difficili» per la fabbrica d’acciaio più
grande d’Europa, mettendo sul piatto
«520 milioni di euro per i primi
interventi dell’anno prossimo» per
quanto concerne il piano industriale.

Per Jehl, il primo utile in bilancio
potrà arrivare proprio «già dal
prossimo anno», puntando su clienti
come Fca e Fincantieri, già nell’orbita
di Mittal.
«La nostra idea è certamente produrre
acciaio per auto, con focus su
Novi (un altro dei poli italiani, ndr)
i cui impianti sono fatti per l’automotive.
La nostra prima necessità
è lavorare per rilanciare i livelli di
servizio e qualità. Senza quello
non possiamo nemmeno parlare di
volumi. Il processo è la priorità, il
prodotto non ancora (…) credo che
il ritmo da sei milioni di tonnellate,
tutti prodotti a Taranto, lo potremo
avere dal primo o secondo trimestre
del 2019. Abbiamo poi previsto di
fare arrivare anche coils e bramme,
già tra dicembre o gennaio. I coils,
in particolare arriveranno dal sito di
Fos sur Mer, in Francia».
Jehl ha parlato anche delle similitudini
tra l’impianto di Taranto ed i
suoi nuovi ‘fratelli’ in Europa, come
quello di Gent, e lo ha fatto utilizzando
uno storytelling “operaista”: «Ci
sono delle similitudini. L’ho visto a
Gent, a Einsenhuttenstald, a Liegi,
a Taranto, a Genova, ovunque sono
stato: l’orgoglio degli operai dell’acciaio.
Sono fieri, e c’è una volontà
immensa di andare avanti e trovare
una soluzione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche