Cronaca

​«Immunità penale, anomalia italiana»​

L’interrogazione del sen. Mario Turco


«Gli incidenti che si sono verificati
all’interno dell’Ilva nelle ultime settimane,
l’ultimo dei quali avrebbe comportato
la fermata improvvisa di ben 3 altoforni,
rendono il tema dell’immunità penale garantita
per decreto ai gestori dell’Ilva ancora più
urgente. Un’anomalia tutta italiana rispetto
alla quale ho chiesto spiegazioni ufficiali al
Governo».
Il senatore del Movimento 5 Stelle, Mario
Turco, annuncia di aver presentato un’interrogazione
parlamentare sul tema dell’immunità
penale, garantita ai gestori del complesso
siderurgico tarantino.

«Nell’interrogazione – precisa Turco – ripercorro
i principali provvedimenti normativi
con i quali i Governi di centro sinistra hanno tutelato chi avrebbe dovuto attuare le
prescrizioni dell’Autorizzazione Integrata
ambientale. In primo luogo il decreto legge
del 5 gennaio 2015 che escludeva le responsabilità
dei commissari straordinari e, in
seconda battuta, la legge 98 del 9 giugno
2016 che ha esteso lo scudo penale ai futuri
affittuari dell’Ilva».
«La mia richiesta – conclude il parlamentare
tarantino – è indirizzata a ben 3 Ministri:
quello della Giustizia, quello dell’Ambiente
ed, infine, quello dello Sviluppo Economico.
La domanda posta è chiara ed inequivocabile:
si chiede infatti l’adozione di possibili
interventi immediati volti al ripristino del
principio costituzionale per cui la ‘legge è
uguale per tutti”».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche