25 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 25 Ottobre 2020 alle 16:22:59

Cronaca

​Omicidio di Mario Reale, fissata l’udienza​

L'agguato mortale secondo l’accusa sarebbe maturato nell’ambito di una guerra tra bande rivali


Omicidio di Mario
Reale: per martedì 4 dicembre
fissata l’udienza preliminare.

Per
l’agguato mortale che, secondo
l’accusa sarebbe maturato nell’ambito
di una guerra tra bande rivali
che si contendevano il predominio
nell’attività di spaccio nel quartiere
Paolo VI, a giugno scorso sono
state arrestate sette persone. Tre
rispondono di omicidio premeditato,
sequestro di persona, lesioni
personali, detenzione e porto abusivo
di armi e detenzione e spaccio
di stupefacenti, due rispondono di
detenzione e porto abusivo di armi
e danneggiamento, una di detenzione
ai fini di spaccio di droga e
una di furto aggravato.

Le indagini
hanno preso avvio dopo l’omicidio
avvenuto la sera del 25 maggio del
2016. L’agguato mortale intorno
alle 20, all’interno di un negozio di
detersivi e di prodotti per l’igiene
della persona situato nel quartiere
“Tamburi”. Contro Mario Reale
furono esplosi, con due differenti
pistole (una calibro 7.65 ed una
calibro 9), undici colpi, alcuni dei
quali lo centrarono al torace. L’analisi
dei filmati di alcuni impianti
di videosorveglianza situati lungo
il percorso di fuga seguito dagli
assassini aveva consentito di accertare
che i sicari erano fuggiti a
bordo di una Ford C-Max di colore
grigio. Grazie alle intercettazioni
gli investigatori della Questura
avevano indirizzato le indagini
verso uno dei possibili autori, già
all’epoca dei fatti sottoposto alla
detenzione domiciliare. Al di là
dei riferimenti fatti nei confronti
dell’uomo dai testimoni a fornire
elementi di accusa i contenuti
delle intercettazioni dei colloqui
tenuti in carcere da un altro degli
arrestati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche