22 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Giugno 2021 alle 16:09:36

Cronaca

​Summit per il parco del Mar Piccolo​

Il sindaco Melucci ha incontrato il consigliere regionale Liviano


“L’istituzione del Parco
del Mar Piccolo può rappresentare per
la città di Taranto elemento rilevante per
la tutela ambientale e paesaggistica e di
sviluppo del settore turistico e dell’identità
culturale, sociale e produttiva della
comunità”.
In quest’ottica si inquadra l’incontro
tenutosi ieri mattina nella sala Giunta di
Palazzo di Città al quale hanno partecipato
il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci,
l’assessore Francesca Viggiano,
il consigliere regionale Gianni Liviano
(promotore di questa prima iniziativa),
e i componenti il gruppo di lavoro che,
insieme al consigliere regionale tarantino,
stanno lavorando alla redazione di
una proposta di legge regionale sul Mar
Piccolo.

Del resto, ha sottolineato il consigliere
regionale Liviano, “è chiaro che
tutto il percorso che abbiamo avviato
in fase di redazione della prima bozza
della proposta di legge ha senso se fatto
di pari passo con l’amministrazione
comunale”.
Bozza che ha riscosso un primo parere
positivo da parte del sindaco Melucci
che ha poi evidenziato come il Comune
è pronto ad una fattiva collaborazione
purché “la formulazione e i contenuti
della proposta di legge si mantengano
coerenti con la programmazione che
l’amministrazione ha in atto, penso al
Piano delle coste per esempio, e alla
vision di rilancio delle attività produttive
oltre che alla tutela ambientale”.
Aspetti che lo stesso primo cittadino
ha detto di intravedere in questa prima
bozza della legge.
E come primo appuntamento è stato
calendarizzato per giovedì 10 gennaio,
alle ore 11 sempre nella sala Giunta di
Palazzo di Città, un incontro tecnico al
quale interverranno anche i dirigenti
del settore Urbanistica e Ambiente del
comune di Taranto, il gruppo di lavoro
coordinato dal consigliere regionale
Gianni Liviano e allargato ai rappresentanti
dei mitilicoltori, della Marina
militare e del commissario straordinario
per le bonifiche. A questo, entro il mese
di febbraio, ne seguirà uno più spiccatamente
politico nel quale si procederà
ad una idea di governance e a una pulitura
della bozza di proposta di legge.

Tutto ciò per portare il prima possibile
il testo di legge all’esame delle commissioni
consiliari e, successivamente,
del Consiglio regionale per la definitiva
approvazione.
L’obiettivo che si intende raggiungere,
ha spiegato il consigliere regionale Liviano,
è quello di migliorare le condizioni
umane ed economiche, promuovere e
riqualificare le attività economiche della
pesca e dell’allevamento dei mitili, migliorare
le condizioni ambientali, naturalistiche,
paesaggistiche ed idrogeologiche
del Mar Piccolo, salvaguardare e
valorizzare i beni storico-architettonici
nonché il patrimonio antropologico ed
archeologico, le attività produttive della
pesca, dell’agricoltura e dell’artigianato
tradizionale.

“Vogliamo procedere in una direzione partecipata”, ha sottolineato il sindaco
Melucci, “coinvolgendo attivamente la
comunità tarantina. Il nostro sarà un
apporto convinto a questa iniziativa
convinti dell’importanza e delle potenzialità
di questa area naturalistica che va
messa a sistema e che deve ricostruire
una cerniera tra la città, la comunità
tarantina e il suo territorio”.
Per Liviano, invece, “è arrivato il momento
di svoltare e di salvaguardare
questo importante patrimonio puntando,
inoltre, al recupero dell’identità che
non può essere slegato da temi quali
l’economia circolare, l’innovazione,
l’alta tecnologia, lo sviluppo sostenibile.
Sono tutti temi – ha proseguito Liviano – che sono al centro di una discussione
che deve essere dentro una comunità.
Taranto e il Mar Piccolo rappresentano
per la Regione una opportunità che va
presa al volo e che va sostenuta con
quelli che sono gli strumenti a nostra
disposizione”.
Per quanto riguarda le fonti di finanziamento
(attualmente sono disponibili
100mila euro per la progettazione rinvenienti
da un emendamento al bilancio di
previsione 2018 presentato, e approvato,
dal consigliere Liviano), è stato deciso,
su proposta del sindaco, di monitorare
gli assi di finanziamento regionale che
permettono il funzionamento degli altri
parchi regionali pugliesi .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche