10 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 10 Maggio 2021 alle 07:32:34

Cronaca

​Via libera al piano regolatore del porto​

La decisione del Consiglio comunale


«Ci sono atti amministrativi che determinano un cambiamento importante nella storia delle
comunità locali».
È quanto affermano i consiglieri comunali Piero Bitetti, Mimmo Cotugno
e Vittorio Mele in riferimento al via
libera della massima assise cittadina
al Piano regolatore del porto.

«Dopo l’esame della Regione Puglia,
e le relative osservazioni, il Piano destinato a ridefinire finalità e impiego
delle aree portuali è stato discusso e
approvato dal Consiglio comunale. Si
faccia ora presto – è l’appello del consiglieri – per completare nel più breve
tempo possibile l’iter amministrativo
e rendere così finalmente operativo lo
strumento urbanistico portuale che ci
consentirà di guardare al porto come
ad uno dei pilastri del rilancio economico del capoluogo ionico e della
sua provincia. Quello di Taranto, lo
ribadiamo per l’ennesima volta, è e
deve continuare a rappresentare lo
scalo più importante della Puglia e uno
tra i primi in Italia. La collocazione
geografica nel cuore del Mediterraneo,
la vocazione industriale della nostra
provincia ma anche la possibilità di
incrementare significativamente le
presenze turistiche grazie all’arrivo di
navi da crociera, ci permettono di avere
dalla nostra numerose carte da giocare.

Taranto deve perciò rimanere compatta
a difesa di questa straordinaria opportunità grazie alla quale si potranno
creare nuovi posti di lavoro in un’ottica
di diversificazione produttiva della nostra economia, un obiettivo che adesso
è davvero a portata di mano. Rimanere
uniti e compatti, nella interlocuzione
con la Regione e il governo nazionale
– concludono Bitetti, Cotugno e Mele
– è un compito che spetta soprattutto
alla classe dirigente, da quella politica
a quella imprenditoriale, con il fondamentale supporto delle organizzazioni
di rappresentanza del mondo del lavoro
e degli operatori del settore portuale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche