Cronaca

​Successo per il videogioco sul MarTa​

​“Past for Future” dedicato al Museo Archeologico Nazionale di Taranto​


“Past for Future”, il
primo videogioco del Museo Archeologico Nazionale di Taranto, uscito lo
scorso 20 dicembre, è già un successo,
come si evince dal numero dei download. “Past for Future” è un’esperienza.

Un lungo viaggio investigativo nella
città di Taranto, nei tesori del Marta e
nel territorio. Il progetto è stato fortemente voluto dal Direttore del Marta,
Eva Degl’Innocenti, con l’obiettivo di
far scoprire i tesori del museo, nonché
l’area di Taranto e la provincia jonica,
attraverso il racconto di una storia,
anche per valorizzare turisticamente
il territorio. «Il videogioco, dal titolo
“Past for future” scelto proprio per
mettere in luce il legame che unisce
la conoscenza del passato con la costruzione del futuro in una visione
di sviluppo sostenibile basato sulla
cultura – realizzato in italiano e in
inglese, con colonna sonora originale
– è scaricabile gratuitamente su App
Store e Google Play – spiegano dal
Museo Marta. È stato realizzato da
TuoMuseo, collettivo europeo leader
della gamification, ovvero l’intersezione tra educazione, gioco, cultura e
patrimonio culturale.

Il videogioco è
stato creato da un gruppo di persone
provenienti da diversi ambiti professionali che ha messo insieme le proprie
competenze per creare un’avventura
grafica bidimensionale incentrata sulla
narrazione che esplora i sentimenti
umani connessi con il nostro presente,
nel quale è il giocatore a inquadrarsi
come vero protagonista indiscusso.
Past for future è un gioco 2D narrativo
a scorrimento orizzontale che esplora
i sentimenti umani connessi con il
nostro presente, ingabbiato tra ciò che
sarebbe potuto accadere a fronte di
scelte diverse nel passato e quello che
potrà essere nel nostro futuro. Attraverso il viaggio, fisico e metaforico
di William, i giocatori si muoveranno
da Londra a Taranto alla ricerca di
una misteriosa donna scomparsa». La
colonna sonora originale è stata creata
appositamente dal musicista polacco
Arkadiusz Reikowski. Le grafiche
sono dipinte a mano dall’illustratrice
canadese Tida Kietsungden che vanta
importanti esperienze passate con
SquareEnix, Capcom e Warner Bros.
Fabio Viola è il game director del
progetto.

La direzione artistica resta
affidata a Sean Wenham, già Ubisoft
e Sony UK. Infine il coordinamento
del progetto è a cura di Massimiliano
Elia, con una decennale esperienza
nell’industria entertainment.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche