Cronaca

​Rapine in Valle D’Itria, indagati due ventenni​

Notificati gli avvisi di conclusione delle indagini


Dopo l’arresto di un baby-rapinatore avvisi di conclusione delle indagini preliminari
notificati a due complici.

Lo scorso 29 giugno gli agenti del Commissariato di Martina Franca avevano arrestato un pluripregidicato a quel
tempo ancora minorenne, considerato l’autore, insieme
a due suoi complici, di alcune violente rapine compiute
nella cittadina della Valle D’Itria.
Le successive indagini hanno consentito di identificare
e denunciare in stato di libertà anche i due suoi complici, un giovane albanese di ventidue anni e un ventenne
brindisino.
Avantieri ai due, su disposizione della Procura di Taranto,
è stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini
preliminari.
Sempre avantieri gli agenti della Sezione Volante, coadiuvati dai loro colleghi del Reparto Prevenzione Crimine
di Lecce hanno effettuato numerosi posti di controllo
con particolare attenzione ai quartieri Borgo e Tamburi.
Due giovani sono stati denunciati in stato di libertà.

Il primo, un 22enne grottagliese, fermato ed identificato
in Piazza Libertà ha violato il divieto di ritorno nel capoluogo jonico, l’altro un tarantino di 20 anni, ad un posto
di controllo in Piazza Maria Ausiliatrice è stato fermato
a bordo della sua autovettura e trovato con una “cazzottiera” e pertanto denunciato per possesso ingiustificato di
armesi atti ad offendere.
In sua compagnia anche un minore, trovato in possesso di
3 grammi di hashish. Quest’ultimo è stato poi riaffidato
ai genitori e segnalato alla Prefettura come assuntore di
sostanze stupefacenti. Altri due minorenni, sono stati
fermati dai poliziotti del Commissariato Borgo e trovati
coin possesso di alcuni grammi di hashish. I due sono
stati notati davanti ad una scuola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche