Cronaca

Nadia Toffa: orgogliosa di diventare tarantina

La “iena” su Twitter. Lunedì avrà la cittadinanza


«Onore e orgoglio poter diventare tarantina.
Città forte e martoriata, Taranto, che presto saprà rialzarsi
grazie alla forza dei suoi cittadini. Amo Taranto». Con un
tweet Nadia Toffa ha voluto commentare così la notizia
della cittadinanza onoraria che le verrà conferita lunedì.
Popolare volto del programma mediaset Le Iene, Nadia
Toffa è diventata (anche) simbolo della raccolta fondi per
dotare il reparto di Pediatria dell’ospedale Santissima Annunziata di una Oncologia Pediatrica, e autrice di una serie
di servizi sul dramma ambientale del capoluogo ionico.

«Quanto sono fiera» ha poi aggiunto Nadia Toffa, sempre
su Twitter, rispondendo ai tanti tarantini – ma non solo
– che hanno espresso apprezzamento per la decisione di
concederle la cittadinanza onoraria della nostra città. «Je
esche pacce pe voi», con due cuori rossoblù, ha scritto
parafrasando quello che è stato lo slogan della raccolta
fondi. Non sono mancati, purtroppo, alcuni troll che
con messaggi vergognosi hanno insultato – in maniera
aberrante – Nadia Toffa o la città di Taranto; una sparuta
minoranza, per fortuna, nel mare di affetto nei confronti
della “Iena” che come è noto è impegnata in prima persona nella lotta contro un terribile male, raccontata anche
nel suo libro “Fiorire d’Inverno”.

«L’Amministrazione Comunale di Taranto consegnerà
a Nadia Toffa una pergamena che simbolicamente concretizza la volontà espressa all’unanimità dal Consiglio
Comunale di Taranto con la Delibera n. 98/2018 di conferirle la Cittadinanza onoraria» si legge sul sito web del
Comune. «La cerimonia è prevista per lunedì 14 gennaio,
con inizio alle ore 9.30, presso il Salone degli Specchi
di Palazzo di Città. La motivazione, come si legge nel
provvedimento approvato dal Consiglio Comunale, è
data dal grande impegno solidaristico ed altruistico e
per la fondamentale attività svolta dalla inviata e coconduttrice del programma televisivo “Le Iene” a sostegno del reparto di pediatria oncologica dell’Ospedale Ss
Annunziata. Come si ricorderà, infatti, Nadia Toffa ha
contribuito a pubblicizzare a livello nazionale l’acquisto
di una maglietta con la scritta “Ie Jesche Pacce Pe Te” che
ha riscosso un grandissimo successo ed il cui ricavato è
stato devoluto per la realizzazione del reparto di Oncoematoligia pediatrica presso l’Ospedale Ss Annunziata
di Taranto, inaugurato lo scorso anno».

Nadia Toffa ha
legato il suo nome all’iniziativa del MiniBar di Ignazio
D’Andria, l’esercizio commerciale in piazza Gesù Divin
Lavoratore al Quartiere Tamburi che, con le sue magliette
“Ie jesche pacce pe’ te!”, è riuscito a raccogliere oltre
trecentomila euro, destinati all’importante iniziativa per
il Santissima Annunziata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche