Cronaca

​Parla il sacerdote arrestato: «Volevo farla uscire dal giro»​

Operazione Madame: don Saverio si è difeso così durante l’interrogatorio


“Volevo salvarla e
farla uscire dal giro». Si è difeso
così dinanzi al giudice, don Saverio
Calabrese, il parroco di Monteparano già sospeso dalla Curia di Taranto, finito agli arresti domiciliari
con l’accusa di agevolazione della
prostituzione.
Il sacerdote 68enne che è stato
ascoltato dal gip alla presenza del
suo difensore, l’avvocato Vincenzo
D’Elia, secondo l’accusa avrebbe
accompagnato la “lucciola” rumena
ritenuta la maitresse di altre sue
connazionali avviate alla prostituzione.

“Ho solo agito per spirito
pastorale. Volevo aiutarla e farla
tornare in Romania” ha riferito don
Saverio al gip al quale ha anche
detto di averla accompagnata solo
una volta e di averle portato solo
una volta del cibo. Don Saverio
è stato cappellano del carcere di
Taranto, parroco della parrocchia
Madonna della Neve a Crispiano e
docente di Filosofia sistematica in
un Istituto di Scienze religiose. Per
il blitz antiprostituzione “Madame”
stamattina sono comparsi dinanzi
al giudice il 75enne sangiorgese
Luca Durante, il 55enne tarantino
Luca Zito e il 60enne tarantino
Marcello Mauriello, finiti tutti ai
“domiciliari” e il 58enne Giuseppe
Provvido, originario di Supersano
in provincia di Lecce ma residente
a Taranto. che è invece finito in
carcere.

Nel collegio di difesa figura anche l’avvocato Alessandro
Scapati. Secondo l’accusa Durante, Zito e Mauriello avrebbero
accompagnato le “lucciole” in via
Alberto Sordi. Giuseppe Provvido
invece avrebbe preso in locazione
alcuni immobili situati in via Crispi
per poi affittarli alle prostitute. I
tarantini quindi rispondono di favoreggiamento e agevolazione della
prostituzione, essendosi prestati
in maniera continuativa e stabile
a fornire assistenza alle squillo e
alla maitresse.
Provvido si sarebbe organizzato
con la locazione di immobili in pessime condizioni di manutenzione,
che avrebbe provveduto ad affittare
a prezzi esorbitanti a prostitute e
trans.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche