25 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 25 Ottobre 2020 alle 16:22:59

Cronaca

​Un emendamento semplifica la Zes​

Il senatore Mario Turco: ridotti i termini dell’iter


«La commissione
Bilancio del Senato ha approvato un
emendamento al decreto Semplificazioni che renderà molto più attrattive
le Zone economiche speciali (Zes)».
Lo afferma il senatore del Movimento 5 Stelle, Mario Turco, componente
della 5^ commissione permanente di
Palazzo Madama e firmatario dell’emendamento in questione.

«Le novità – spiega Turco – rivengono dalle modifiche apportate al
decreto ‘Disposizioni urgenti per la
crescita economica nel Mezzogiorno’ che istituiva le Zes. Quest’ultimo prevedeva che le accelerazioni
procedimentali e gli adempimenti
semplificati fossero adottati per
mezzo di convenzioni tra le amministrazioni locali e statali interessate,
da adottare su proposta del ministro per la Coesione territoriale e
il Mezzogiorno, previa delibera del
Consiglio dei ministri».
«Un iter farraginoso – aggiunge il
senatore – che con l’emendamento
al Semplificazioni verrà completamente superato. Al fine di accelerare
l’insediamento, la realizzazione e lo
svolgimento dell’attività economica
nelle Zes, il nuovo testo riduce di
un terzo i termini in materia di
conclusione del procedimento amministrativo e Scia.

Ugualmente
ridotti risultato i tempi per il rilascia Via, Vas, Aia ed Autorizzazione
ambientale Unica, in ambito edile ed
in materia di concessioni demaniali
portuali. I termini per il rilascio
di autorizzazioni, licenze, permessi, concessioni o nulla osta la cui
adozione richiede l’acquisizione di
pareri, intese, concerti o altri atti di
assenso di competenza di più amministrazioni – aggiunge il senatore
Turco – saranno ridotti della metà».

«Un’altra novità di rilievo – prosegue
il parlamentare ionico – risiede nel
fatto che in ciascuna ZES saranno
istituite aree doganali intercluse.
Questo favorirà l’import/export nei
porti che ricadono in area Zes dove
le merci non saranno soggette ad
Iva. La perimetrazione di tali aree
doganali sarà proposta da ciascun
Comitato di indirizzo o Regione
entro trenta giorni dalla conversione
della legge».
“Infine – conclude Turco – l’emendamento si occupa di semplificare ed
informatizzare le pratiche burocratiche. I Comitati di indirizzo della
Zes infatti, entro 30 giorni dalla data
di entrata in vigore della legge, dovranno assicurare il raccordo tra gli
sportelli unici e quello del responsabile unico del procedimento per la
fase di insediamento, realizzazione e
svolgimento dell’attività economica
nelle Zes. Lo sportello unico dovrà
inoltre essere disponibile in formato
digitale e almeno in una lingua diversa dall’italiano».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche