23 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Aprile 2021 alle 15:06:21

Cronaca

Blitz antidroga. Giulio Modeo fa scena muta


TARANTO – Blitz antidroga: fa scena muta davanti al gip, il ventinovenne tarantino Giulio Modeo, ritenuto il capo della banda di pusher sgominata dai poliziotti della Squadra Mobile. Il figlio del boss Claudio è stato interrogato stamattina dal gip Brancato, nel carcere di Lecce, alla presenza del suo difensore, l’avvocato Giuseppe Lecce, ma si è avvalso della facoltà di non rispondere. Anche il trentunenne Nicola Capozza, difeso dall’avvocato Marcello Ferramosca, è stato ascoltato nel carcere di Matera ma si è avvalso della facoltà di non rispondere. In queste ore sono in corso gli interrogatori degli altri arrestati nella casa circondariale di largo Magli.

Si tratta del trentaduenne Cosimo Boccuni, del cinquantatreenne Francesco Buonfrate, di Michele e Paolo Ciccolella, rispettivamente di trenta e quarantasette anni, del ventinovenne Giovanni D’Ancona, del trentunenne Vincenzo D’Ancona, del quarantaduenne Angelo De Leonardo, del trentatreenne Nicola Fanelli, del trentaduenne Agostino Guarino, del trentenne Francesco Molinaro, del trentasettenne Massimo Nardelli, del venticinquenne Michelangelo Palmieri, del quarantasettenne Pasquale Pastore, del cinquantunenne Antonio Potenza, del trentottenne Leonardo Ruta, della trentaquattrenne Giovanna Trillo, del trentenne Nicola Valentini, di Alessio e Antonio Viggiani, rispettivamente di ventiquattro e trenta anni. Il collegio di difesa è composto, tra gli altri, dagli avvocati Fabrizio Lamanna, Gaetano Vitale, Angelo Casa, Antonio Mancaniello, Pasquale Blasi e Mirko Porzia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche