23 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Aprile 2021 alle 12:23:14

Cronaca

“La Valle d’Itria congiunzione e valore aggiunto”


MARTINA F. – Puntare sulla Valle d’Itria può essere la mossa più strategica per garantire a Taranto la nuova provincia jonico-adriatica. La pensa così anche il consigliere regionale del Pdl, Gianfranco Chiarelli che parla di un valore aggiunto alla nuova provincia. “La vicenda accorpamento delle province – scrive in una nota – che tanto fa discutere per una serie di gravi incongruenze presenti nel provvedimento del Governo, al di là delle polemiche di campanile che ultimamente stanno scadendo in un mortificante vero e proprio mercato delle vacche, con esponenti politici che dichiarano di vincolare la scelta della provincia con cui unirsi alla maggiore offerta, può e deve essere occasione per un complessivo rilancio del nostro territorio”.

Era stato il sindaco Ippazio Stefàno, nei giorni scorsi, a lanciare l’appello al suo collega di Martina Franca affinchè convochi al più presto un incontro con tutti i Comuni della Valle d’Itria per cercare l’unità di intenti verso la nuova provincia jonico-adriatica. La provincia dei due mari che si allargherebbe, quindi, anche all’entroterra. Laddove l’opzione di unificazione di Taranto con Brindisi non dovesse realizzarsi, per scelta di Brindisi, secondo Chiarelli – che a Martina Franca è anche coordinatore cittadino del Pdl – la soluzione più vantaggiosa è quella di un a provincia ionico-adriatica che veda la Valle d’Itria elemento di congiunzione ed al tempo stesso valore aggiunto per un territorio ricco di storia, tradizione e cultura. Ben venga ogni iniziativa che punti ad unire i nostri territori, alle quali il Pdl non mancherà di garantire sostegno e ogni utile contributo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche