05 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 05 Dicembre 2021 alle 10:57:00

Cronaca

Primarie, Bersani primo e Vendola non sfonda


TARANTO – Quasi 17mila votanti. Le primarie del centrosinistra, almeno stando ai commenti dei partecipanti, sono state un successo. Sfondato il tetto delle 10mila pre-iscrizioni. A livello nazionale ci sarà il ballottaggio tra Bersani e Renzi per eleggere il candidato premier del centrosinistra. Domenica prossima, dunque, saranno nuovamente aperti i seggi. Al momento non ci sono dati ufficiali anche perché i verbali risultano essere ancora sigillati. Ci sono però dati ufficiosi, frutto delle rilevazioni fatte dei seggi.

Ecco i dati riguardanti la provincia. Pierluigi Bersani: 8.151 voti (41,03%); Nichi Vendola 6.781 voti (33,90); Matteo Renzi 4.247 voti (21,38%); Bruno Tabacci 421 voti (2,21%); Laura Puppato 153 voti (0,77%). A Taranto città. Pierluigi Bersani 2.355 voti (44,9%); Nichi Vendola 1.520 voti (28,92%); Matteo Renzi 1.240 voti (23,54%); Bruno Tabacci 81 voti (1,50%); Laura Puppato 48 voti (0,90%). Tra i vari commenti arrivati a margine dei risultati quello del coordinatore della campagna elettorale di Vendola e assessore regionale Nicola Fratoianni. “I dati confermano che, dopo otto anni di governo della Puglia, questo progetto, questa prospettiva politica, continua a riscuotere un consenso straordinario. Questo primo bilancio ci fa dire una cosa – ha dichiarato Nicola Fratoianni – nel ballottaggio tra Renzi e Bersani, saranno decisivi i risultati del sud, i risultati che Vendola sta costruendo e che ci dicono che ancora una volta questa prospettiva e questa proposta ha avuto un riconoscimento molto importante”. In effetti, nello scarto di otto punti percentuali, su scala nazionale, tra i due prossimi sfidanti alle primarie, ovvero Bersani e Renzi, saranno fondamentali i voti incamerati dal Governato pugliese. Potrebbe essere proprio Vendola l’ago della bilancia per l’elezione del candidato premier del centrosinistra alle prossime elezioni Politiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche