30 Novembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 30 Novembre 2021 alle 22:43:00

Cronaca

GIA’ PRONTI DUE RICORSI


TARANTO – “Profili di dubbia costituzionalità”. E’ su questo che farà leva la Procura nella controffensiva – che ci sarà, eccome – al decreto salva Ilva e salva acciaio che sarà presentato oggi dal governo per poi passare da una ovvia e scontata approvazione nel consiglio dei ministri di domani. Se la disposizione è quella del riserbo, del silenzio totale e assoluto, da Palazzo di Giustizia trapela la linea che si terrà una volta che l’asse Monti-Clini varerà il decreto che dà all’Ilva ‘licenza di produrre’, e di vendere quanto prodotto, nonostante arresti, sequestri, conferme del Riesame e facoltà d’uso più volte negate.

Il provvedimento legislativo cesellato da Corrado Clini (ministro dell’Ambiente che Stefano Fassina, responsabile economico del Pd, a Ballarò ha chiamato ministro dell’Industria) per i magistrati tarantini rischia di considerarsi come “un provvedimento ad aziendam, che viola il principio di uguaglianza previsto dall’articolo 3 della Costituzione, e l’articolo 32 sul diritto alla salute”, come si sussurra in via Marche. Il decreto, è la tesi, assorbe l’Aia, l’autorizzazione integrata ambientale, ma di fatto è un lasciapas-sare per la commissione di reati. Considerazioni che i magistrati tarantini sarebbero pronti a mettere nero su bianco in un ricorso da presentarsi alla Consulta, che segnerebbe un conflitto tra poteri della Stato (esecutivo e giudiziario) senza precedenti per l’importanza della posta in gioco – la salute, l’indirizzo economico nazionale, il lavoro – e per il grado di contrapposizione, fortissima, tra due pilastri di un sistema democratico. Chi è già pronto con un ricorso, in questo caso al Tar, è Angelo Bonelli, presidente dei Verdi. Bonelli, candidato sindaco di Taranto alle scorse elezioni comunali, parla di “vero e proprio golpe nei confronti della legislazione ambientale e a tutela della salute nel nostro ordinamento”, stigmatizza “che il soggetto che dovrà controllare le emissioni del Polo siderurgico è l’azienda stessa”, sottolinea che “nel decreto del governo non c’è nemmeno un rigo per affrontare l’emergenza sanitaria della città”.

Giovanni Di Meo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche