21 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Aprile 2021 alle 16:13:38

Cronaca

“Una legge speciale per ambientalizzare l’Ilva”


TARANTO – “Con la volontà del Governo e della proprietà si può ambientalizzare lo stabilimento in meno di tre anni. Ma per far questo credo sia necessario stilare una legge speciale per Taranto. Solo in questo modo si potranno accelerare i tempi dell’ambientalizzazione”. Dalla legge “salva-Ilva” per continuare a produrre, alla “legge speciale per Taranto” per accelerare il processo di ambientalizzazione. Questa la proposta dell’ex presidente della Provincia di Brindisi Massimo Ferrarese che, nel corso di una nostra intervista, ha commentato il provvedimento firmato ieri dal presidente della Repubblica, non mancando di avanzare una proposta capace di “salvare vite e posti di lavoro”.

Come giudica il decreto varato dal Governo e firmato da Napolitano? “Il mio giudizio non può che essere positivo. Bene ha fatto il Governo a fare un decreto per far proseguire la produzione, non perdendo quella parte di economia strategica per il Paese”. Si potrà produrre quindi, ma per l’ambiente? “Prima dell’estate avevo previsto, a differenza di quanto diceva qualcuno, che gli investimenti per l’ambientalizzazione sarebbero dovuti essere almeno di 3-4 miliardi di euro. Inizialmente si parlava di qualche centinaia di milioni. Rimasi scandalizzato. Ora sappiamo che l’unica via per salvare Taranto e i posti di lavoro è quella di affrontare e risolvere i problemi di questa fabbrica. Chiudere lo stabilimento per ambientalizzarlo significherebbe non riaprirlo mai più. Con la volontà del Governo e della proprietà si può ambientalizzare in meno di tre anni”. Certo ma ci vorrebbero, subito, soldi e… “Una legge speciale per Taranto capace di accelerare i tempi dell’ambientalizzazione. Da una situazione negativa, com’era quella di una chiusura e smantellamento degli impianti, si può ottenere aria pulita per i tarantini ed un incremento dei posti di lavoro. Dunque, si può invertire rotta salvando vite e posti di lavoro”. Basteranno tre anni per ambientalizzare il siderurgico più grande d’Europa? “Ci deve essere una programmazione contestuale di tutti gli interventi. Chiaro, ci vogliono i fondi. L’impresa, da sola, non può garantire tutto e subito. Prima dei Riva l’Ilva era statale. Anche lo Stato non ha ambientalizzato la fabbrica. Ecco perché chiedo al Governo di provvedere a stilare una legge speciale. Quando c’è un terremoto tutti gli italiani fanno la loro parte per aiutare la popolazione colpita. A Taranto c’è stata una calamità naturale. Per questo, oltre ad un decreto utile a produrre, è necessario varare una legge speciale per ambientalizzare”.

F.M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche