Cronaca

Terrore a Taranto 2: scende dal bus e viene rapinata


TARANTO – Sta per rientrare a casa quando viene fermata e rapinata. Vittima una ragazza di quindici anni di Taranto 2 che difficilmente potrà scordare la serata di ieri. Era appena scesa dal pullman e stava per arrivare a casa quando, intorno alle dieci, si imbatte nei due malviventi. Scatta la segnalazione al 113. E i due vengono subito intercettati e arrestati. Si tratta di Gianluca Bungaro di 37 anni e Giovanni Turi, trentenne, entrambi pregiudicati tarantini che ora dovranno rispondere di rapina in concorso tra loro. Ecco la ricostruzione dei fatti. Nella tarda serata di ieri, intorno alle 22, gli agenti, a seguito di una segnalazione giunta alla Sala Operativa, hanno contattato la minore che ha raccontato di essere stata vittima, poco prima, di una rapina da parte di due persone giunte a bordo di un’auto.

La ragazza ha spiegato ai poliziotti che mentre rincasava a Taranto Due, è stata avvicinata da una Fiat Punto, con all’interno due uomini, ed uno di questi, sceso dalla macchina, dopo averla strattonata violentemente e fatta cadere per terra, si era impossessato della sua borsa contenente effetti personali ed una piccola fotocamera. Dopo la rapina, l’auto con i due malfattori a bordo si è dileguata in direzione del centro cittadino. Sono scattate quindi le ricerche che ben presto hanno sortito gli effetti sperati: la Fiat Punto è stata trovata davanti ad un bar al quartiere Tamburi. Con l’ausilio di un altro equipaggio della Squadra Volante, i poliziotti hanno individuato i due sospettati all’interno dell’esercizio commerciale e li hanno identificati. E’ stata la successiva perquisizione dell’auto, come detto parcheggiata lì davanti, a permettere agli agenti di rinvenire al suo interno, la borsa e la fotocamera di proprietà della giovane vittima. Pertanto, dopo quanto ritrovato, i due rapinatori sono stati portati negli Uffici della Questura e tratti in arresto. Espletate le formalità di rito, i due sono stati accompagnati in carcere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche