Cronaca

​Immunità penale Ilva, il Gip manda gli atti alla Corte Costituzionale

La questione riguarda l’immunità penale o amministrativa del commissario straordinario, dell’affittuario o acquirente e dei soggetti da questi funzionalmente delegati


Nuovo, clamoroso sviluppo nella vicenda che ruota attorno
al Siderurgico: il gip del Tribunale di
Taranto Benedetto Ruberto ha disposto la trasmissione degli atti alla Consulta su una questione di legittimità
costituzionale.

La questione sollevata
riguarda l’immunità penale o amministrativa del commissario straordinario, dell’affittuario o acquirente e
dei soggetti da questi funzionalmente delegati per l’attuazione del piano
ambientale per lo stabilimento ex
Ilva, ora ArcelorMittal Italia. Per
il presidente della Regione Puglia,
Michele Emiliano, «la decisione del
Gip è buona notizia. Da tre anni la
Regione Puglia chiede a tutti i governi che si sono succeduti di eliminare
l’immunità penale e di abrogare tutti
i decreti che consentono alla fabbrica
di funzionare ancora oggi a carbone.
Non esiste ancora nessuna norma
che obblighi la riconversione della
fabbrica utilizzando tecnologie non
dannose per l’ambiente e la salute
umana.

A questo aggiungiamo che la
Regione Puglia nel giudizio pendente
per l’impugnazione del vigente piano
ambientale ha eccepito l’incostituzionalità dell’ultimo decreto Salva Ilva
per aver dato prevalenza all’interesse della produzione a scapito della
salute dei cittadini. Questo è per noi
inaccettabile. Cosa farà il Governo?
Chiederà all’Avvocatura di Stato di
difendere questi provvedimenti? Non
può essere la magistratura a supplire ancora una volta al vuoto politico
e legislativo. L’attuale maggioranza
parlamentare, con un sussulto di dignità, intervenga per via legislativa e
ponga fine a questa indecenza giuridica prima che si pronunci la Consulta».

Plauso arriva anche dal leader
dei Verdi, Angelo Bonelli, e dal consigliere comunale ex M5s, Massimo
Battista: «Per l’ennesima volta sarà
la magistratura a provare a rendere
giustizia a Taranto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche