Cronaca

Cozze pericolose, in due ai domiciliari

Spacciavano i mitili per prodotti di alta qualità


Cozze pericolose spacciate per prodotto di alta qualità:
ottengono i domicliaroi Sandro Mongelli e Damiano Lamanna. Il gip li ha mandati
a casa accogliendo la richiesta avanzata dall’avvocato Pasquale Blasi.

Sette le
persone arrestate dai militari della Guardia Costiera nel blitz denominato
“Passo e chiudo”.Nella rete un gruppo dedito al furto, alla ricettazione e alla
successiva commercializzazione di prodotti ittici contaminati. Agiva utizzando
la contraffazione dell’etichettatura. L’attività investigativa è scattata dopo
denunce presentate da alcuni mitilicoltori, vittime di ingenti furti di
prodotti ittici, e ha portato alla luce l’esistenza di un vero e proprio
“mercato parallelo” di prodotti contaminati chimicamente e biologicamente che,
immesso nella filiera tramite la contraffazione della tracciabilità, veniva
spacciato come prodotto di alta qualità, ma pericolosissimo per la salute
pubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche