Cronaca

​Aggredisce una coppia a colpi di bastone, fermato alla stazione​

Gli uomini della Polfer hanno soccorso un uomo ed una donna, seminudi e sanguinanti sul viso e in alcune parti del corpo


Aggredisce una coppia in un fabbricato in disuso
vicino la stazione ferroviaria: arrestato.

Ieri sera, agenti della Sezione di Polizia Ferroviaria hanno
notato, nei pressi del primo binario della stazione, un uomo ed
una donna, seminudi e sanguinanti sul viso e in alcune parti
del corpo, che invocavano aiuto.
Immediatamente, i due sono stati soccorsi e, con l’ausilio dei
sanitari del 118, sono stati accompagnati all’uspedale Ss. Annunziata per le cure del caso. Grazie al racconto delle vittime,
i poliziotti sono riusciti a ricostruire la vicenda. Intorno alle
19.30 i due, appartati in un fabbricato in disuso non lontano
dallo scalo ferroviario jonico, sono stati aggrediti violentemente
con un bastone da un cittadino rumeno di trentasette anni, senza
fissa dimora, noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti
di polizia.

L’aggressione, secondo il racconto delle vittime, è scaturita dal
fatto che il rumeno voleva costringere a tutti i costi l’uomo ad
esercitare l’illecita attività di parcheggiatore abusivo per suo
conto, pretendendo anche che le somme di denaro incassate gli
venissero poi consegnate per intero.
Al rifiuto, è scattata la violenta ritorsione, che già nei giorni
precedenti si era manifestata con altri tentativi di aggressione.
Dopo la descrizione fornita dalle vittime, il cittadino rumeno è
stato subito rintracciato e fermato dai poliziotti della Polfer poco
distante dalla stazione.
Durante l’operazione sono stati rinvenuti anche alcuni indumenti
e documenti della coppia nonché il bastone in ferro utilizzato per
malmenarli.
Al termine degli accertamenti, il presunto aggressore è stato
dichiarato in arresto per tentata estorsione e lesioni aggravate.
Dopo le formalità di rito è stato accompagnato presso la casa circondariale di largo Magli a disposizione dell’autorità giudiziaria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche