16 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 15 Maggio 2021 alle 14:20:20

Cronaca

​La polemica viaggia …sull’idrovolante​

Botta e risposta tra opposizione e Comune


Botta e risposta tra opposizione e Giunta comunale sull’avvio
di percorsi turistici da compiere in
idrovolante tra il Mar Jonio e la Grecia.
I consiglieri comunali Stefania Baldassari e Marco Nilo accolgono
con favore i progetti allo studio ma
sottolineano «lo scarso protagonismo
e l’apparente “disattenzione” in merito
del Comune di Taranto.

L’idea – spiegano – rilanciata da alcuni
organi di stampa di rilevanza nazionale, sarebbe quella di realizzare, nei
porti di Taranto, Gallipoli e Santa
Maria al Bagno (e dall’altra parte in
quelli di Corfù, Paxos, Erikusa, Matraki e Othoni) infrastrutture in grado
di ospitare idrovolanti, che verrebbero
utilizzate per una serie di servizi:
partenze e arrivi dei mezzi, piccoli
terminal per i passeggeri, allestimento
di specchi d’acqua adatti per decolli e
atterraggi. Sulla questione si leggono
le dichiarazioni dell’assessore all’Ambiente del Comune di Nardò che elogia
l’iniziativa e l’annuncio di un incontro
sul tema che si svolgerà in Grecia il
prossimo 22 marzo.

Tra i tanti comunicati del Comune di Taranto, però, non
sembra esserci spazio per l’approfondimento di tale notizia. Nulla è emerso,
infatti, nell’ultimo periodo. Eppure
sono proprio le tematiche come queste
che necessitano di approfondimenti,
pubblicità e riflessioni, per rilanciare
il nostro territorio dal punto di vista
turistico e attrarre turisti e partner
commerciali. Sono occasioni da non
perdere. Sul punto formalmente presenteremo apposita interrogazione per
comprendere quali sono le iniziative
del Comune di Taranto
sul tema in oggetto».

A stretto giro di posta arriva la replica del Comune con l’assessore alle
Partecipate e Polizia locale, Gianni
Cataldino che parla di «eccessivo
protagonismo e apparente disinformazione. Nell’antichità il tempo veniva raffigurato con una ruota, questo
perché si riteneva che gli avvenimenti si
ripetessero ciclicamente. Valesse ancora
quella teoria i consiglieri Nilo e Baldassarri avrebbero avuto ragione di dolersi
della presunta assenza del Comune di
Taranto sul tema idrovolanti a Taranto.
Invece quella che valutano come “idea”
della costruzione di 8 infrastrutture per
idrovolanti in Italia e Grecia e che ha
così tanto acceso il loro interesse ed
entusiasmo, ha smesso di essere tale
già un bel po’ di tempo fa, si è quindi
trasformata nel progetto Swan del 2016,
poi finanziato nel 2017 e lunedì scorso
si è svolto il primo incontro per passare
alla piena operatività a cui seguirà quello del 22 marzo.

L’Autorità di Sistema
Portuale dello Ionio, attore per Taranto
del partenariato alla base del progetto
– evidenzia Cataldino – è stata supportata ed ha costantemente condiviso con
il Comune di Taranto tutti i passaggi
avvenuti. Trattasi di un’azione che vede
come sempre i due Enti coesi (ne è un
altrettanto valido esempio la richiesta
alla Marina Militare della Stazione
Torpediniere) nelle azioni di rilancio
del nostro territorio e della risorsa mare.
Il rispetto istituzionale, una notizia già
resa da tempo e la volontà comune di
realizzare prima di comunicare, hanno
connotato questa fase del fare. Purtroppo
l’occasione da non perdere sarebbe stata
quella di informarsi meglio alla voce
idrovolanti a Taranto, a meno che non
si volesse solo polemizzare.

Con ancora
maggiore attenzione a quanto facilmente
accessibile su internet, sono convinto
che avrebbero apprezzato le ulteriori
possibilità presentate nel convegno di
dicembre 2018 sulla rigenerazione dei
vecchi idroscali italiani, durante il quale
si è dibattuto del recupero dell’Idroscalo
Bologna e della realizzazione di una
Scuola Aeronautica e relativi laboratori,
con funzioni di scuola di volo per idrovolanti e di struttura storico-museale.
Posso quindi rassicurare i consiglieri
– conclude l’assessore – che l’amministrazione Melucci resta pienamente
disponibile a confrontarsi qualora altre
idee, sicuramente depurate da questa
vis polemica poco costruttiva, generino
in loro lo stesso informato entusiasmo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche