07 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 06 Maggio 2021 alle 15:58:04

Cronaca

​Armato di pistola litiga con i familiari, fermato dalla Polizia​

Sequestrato anche un giubbotto antiproiettile


Armato di pistola litiga con i familiari. Un arresto degli agenti della Polizia di Stato i quali hanno sequestrato
anche un giubbotto antiproiettile.

Nel pomeriggio di mercoledì è giunta alla centrale operativa
della Questura la segnalazione di una lite tra il 46enne Alfonso
Solfrizzi e i suoi familiari.

L’uomo, secondo le notizie apprese dagli operatori del 113, era
armato di pistola.
Sul posto, in via XX Aprile, nel quartiere Paolo VI, sono intervenuti in pochi minuti i “Falchi” della Squadra Mobile e i loro
colleghi della Squadra Volante.
I poliziotti hanno indossato i giubbotti antiproiettile e sono
saliti in casa dei genitori dell’uomo.
Entrati in casa, grazie ad un familiare del 46enne che li aspettava sul pianerottolo, gli agenti lo hanno sorpreso mentre era
disteso sul letto della sua camera.
Vano è stato il suo tentativo di impugnare la pistola che aveva
nella cintola dei pantaloni.

Nonostante la sua resistenza Solfrizzi è stato disarmato e riportato alla calma.
La pistola aveva il colpo in canna ed era completa di caricatore
con undici proiettili calibro 9×21.
L’arma, una Sigasauer è anche risultata con la matricola limata.
Il successivo controllo ha consentito di recuperare all’interno di
un mobile della camera da letto un giubbotto antiproiettile.
Il fermato è stato accompagnato senza non poche difficoltà all’auto
di servizio della Polizia di Stato mentre una folla di curiosi si
era radunata davanti al palazzo.
Giunti negli uffici della Questura Solfrizzi è stato dichiarato in
arresto per detenzione ilegale di arma da sparo e per resistenza
a pubblico ufficiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche