10 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 09 Maggio 2021 alle 22:30:25

Cronaca

​«I pazienti non sono pacchi da spostare»​

Perrini sul trasferimento del reparto di geriatria

Ospedale Moscati di Taranto
Ospedale Moscati di Taranto

«Pacchi da spostare da un reparto
a un altro, da un ospedale ad un altro. Ormai i
medici e gli operatori sanitari tarantini girano
più delle trottole». Lo afferma Renato Perrini,
consigliere regionale di Direzione Italia, in
riferimento all’ipotesi di trasferimento del
reparto di geriatria dall’ospedale Moscati al San
Marco di Grottaglie.
«Una risorsa umana della Sanità pugliese
che viene sottoposta a uno stress lavorativo
senza precedenti.

Ora un altro trasferimento è
all’orizzonte: il reparto di Geriatria del Moscati
che viene trasferito all’ospedale San Marco di
Grottaglie in attesa della realizzazione del nuovo
ospedale di Taranto. Ecco appunto: personale
ospedaliero e pazienti, per altro anziani, trasferiti
come pacchi, senza tener conto che dietro ogni
“pacco” c’è la dignità professionale di un medico,
un infermiere, un operatore socio-sanitario che svolge la sua attività spesso in condizioni di
grave disagio. Non solo, il Moscati è destinato
a diventare un eccellente polo oncologico,
ma questo non vuol dire che all’interno non
possa coesistere il reparto di geriatria: anzi,
potrebbe addirittura essere di supporto sanitario
per l’assistenza di malati anziani oncologici.
Insomma, la sensazione è che chi gestisce la
sanità tarantina non lo faccia in una logica
sinergica, ma ragionieristica: togli qua, metti
là e i posti letto ritornano sulla carta. Qui a
Taranto, invece, non torna più nulla: la Sanità
in questi anni ha subito solo tagli, trasferimenti
e depotenziamenti in un territorio fortemente
provato sotto il profilo ambientale. Ai miei
concittadini, a questo punto – conclude il
consigliere Perrini – faccio un appello: resistete,
un altro anno e spazziamo via questo governo
regionale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche