10 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 10 Maggio 2021 alle 07:32:34

Cronaca

​Oltre 300 studenti per Giovani in Volo ​

Torna il progetto per la promozione del volontariato


Torna “Giovani in
Volo.”, il progetto per la promozione
del volontariato nelle scuole superiori che anche quest’anno il Centro
Servizi Volontariato della provincia
di Taranto organizza attraverso il
prezioso coinvolgimento delle associazioni locali.
Il primo incontro di sensibilizzazione
di questa quattordicesima edizione
di “Giovani in Volo” si terrà, alle ore
9.30 di mercoledì 27 febbraio, presso
l’aula magna dell’Università degli
Studi “A. Moro”, in via Duomo nel
centro storico di Taranto.
Gli oltre trecento studenti degli istituti scolastici superiori di Taranto e
provincia che hanno già aderito alla
iniziativa, con i loro docenti assisteranno a “#IoSiamo – Dall’io al noi”, lo
spettacolo in cui l’attrice sociale Tiziana Di Masi porta in scena le storie
dei volontari italiani, raccontando così
l’Italia che ha deciso di impegnarsi e
di mettersi in gioco, dedicando il suo
tempo agli altri per costruire valore,
personale e sociale.
In #IoSiamo Tiziana Di Masi ricostruisce storie di volontari impegnati
su vari fronti, dalla lotta alla povertà
alla tutela dei più deboli fino alla
difesa dell’ambiente.
Al termine della rappresentazione
Tiziana Ferrittu, formatrice ed esperta
di progettazione sociale, che da diversi anni accompagna il Csv Taranto
nel percorso di “Giovani in Volo.”,
guiderà gli studenti presenti in una
riflessione comune.
Anche quest’anno il Csv Taranto, con
tutte le organizzazioni che da anni si
dedicano attraverso questo progetto ai
giovani del nostro territorio, offre loro
l’opportunità di vivere un’esperienza
di volontariato che li rafforzi nel loro
percorso di crescita.
Al termine di “Giovani in Volo.”
studenti, docenti e volontari, vivranno
tutti insieme un momento di condivisione e di sintesi delle esperienze
vissute, un grande evento finale che
quest’anno sarà inserito nella Biennale di Prossimità in programma a
Taranto nel mese di maggio.

Lo spettacolo.

#IoSiamo è il nuovo lavoro di Tiziana
Di Masi, già interprete di “Mafie in
pentola” e di “Tutto quello che sto
per dirvi è falso”, entrambi tuttora in
scena, che è dedicato alle storie dei
volontari.
#IoSiamo ha il patrocinio nazionale
di CsvNet, l’associazione dei Centri
di servizio per il volontariato, di Anci
(Associazione Nazionale Comuni Italiani) e di Avviso Pubblico (Enti locali
e Regioni per la formazione civile
contro le mafie). I media partners di
#IoSiamo sono le maggiori voci del
sociale in Italia: Redattore Sociale,
Vita, Volontariato Oggi.
Le storie che Tiziana Di Masi racconta in #IoSiamo, dopo i temi dell’antimafia quotidiana e dell’acquisto
consapevole, per la prima volta danno
voce al meglio dell’Italia, a chi crea
speranza e non la distrugge, a chi
si impegna per gli altri costruendo
giorno dopo giorno una società attiva
e migliore.
Con i testi di Andrea Guolo e la regia
da Paolo Valerio (Teatro Nuovo di Verona) e Mirko Segalina, con le scene e
i video ideati da Antonio Panzuto, sul
palco Tiziana Di Masi racconta storie
di impegno personale, di uomini e
donne che si sono messi in gioco e si
sono dati agli altri, generosamente,
facendo del bene.
L’attrice sociale porta in scena storie
come quella di Norina Ventre, “Mamma Africa”, che dà da mangiare agli
immigrati esattamente come trent’anni fa sfamava i braccianti calabresi.
Come quelle degli attivisti della “Terra dei fuochi”, mamme che hanno
perso i figli divorati dal cancro e ora
sostengono altre mamme, nella loro
stessa situazione. Come quella di Mario, emiliano, che aiutando i disabili
ha fatto del bene ad altri e soprattutto
a sé stesso. Come quella di Alessio,
che fa il clown nelle corsie di ospedale
in Toscana per far sorridere chi non
ne avrebbe motivo.
Come quelle dei tanti, perché sono
ben 6,6 milioni i volontari in Italia,
che superano con gesti concreti e
quotidiani ogni distinzione di sesso,
razza, religione facendo del bene per
gli altri, per tutti noi.
In #IoSiamo l’attrice sociale racconta
l’unica svolta possibile per creare
un vero valore, superando la logica
dell’autoaffermazione per dare qualcosa agli altri.
Sono gesti essenziali per la società,
ma anche per coloro che li compiono,
perché soltanto attraverso la svolta
dall’Io al Noi si può comprendere il
vero senso della vita e superare l’infelicità per tentare di arrivare a una
realizzazione personale attraverso
il bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche