Cronaca

​Il boss Cagnazzo: «Mai mandato pizzini»​

Gli interrogatori in carcere


Blitz antimafia “Mercurio” il boss
Giovanni Giuliano Cagnazzo respinge le accuse.

Difeso dagli avvocati Angelo Masini e Luigi Danucci
è stato ascoltato venerdì mattina per rogatoria nel
carcere di Prato. “Mai mandato “pizzini” ho solo
avvisato con un bigliettino i familiari che ero dal
carcere di Lecce ed ero stato condotto in quello
di Taranto e che potevo incontrarli” ha riferito
Cagnazzo al giudice. Nell’interrogatorio di ieri hanno
respinto le accuse anche Francesco Gualano, difeso
dall’avvocato Luigi Danucci e Pietro Russo, assistito
dall’avvocato Fabio Falco.
Quasi tuti gli indagati si sono avvalsi della facoltà
di non rispondere. Nel collegio di difesa anche gli
avvocati Biagio Leuzzi, Gaetano Vitale, Angelo
Casa, Mauro Villani, Antonio Liagi, Pasquale
Corigliano, Giuseppe Carella e Maria Fiorino.

Con l’operazione “Mercurio” i carabinieri hanno
sgominato una organizzazione che operava tra
Lizzano e i paesi limitrofi. Il blitz è scattato nei giorni
scorsi al termine di indagini coordinate dalla Dda.
I militari della Stazione di Lizzano e della Compagnia
di Manduria, hanno notificato 21 ordinanze di
custodia in carcere, 4 ai domiciliari e 5 tra obbligo
di dimora e presentazione alla polizia giudiziaria.
Il blitz Mercurio dal nome del dio Mercurio, figlio
di Zeus, messaggero degli dei, nonchè dio protettore
dei viaggi, dei viaggiatori e della comunicazione,
da qui l’analogia con gli odierni indagati, che
erano messaggeri del boss detenuto in carcere.

Le
indagini avviate nel gennaio del 2016 attraverso
intercettazioni nei confronti di alcune persone
arrestate per spaccio di eroina, cocaina e hashish
in un noto bar di Lizzano, hanno consentito di
scoprire l’esistenza di un gruppo legato alla Sacra
Corona Unita e già facente capo ai boss Francesco
Lororotondo, Giovanni Giuliano Cagnazzo e Cataldo
Cagnazzo, della quale gli indagati hanno proseguito
l’azione cambiando metodi, scopi e attività,
avvalendosi della forza dell’intimidazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche