14 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 14 Maggio 2021 alle 08:15:36

Cronaca

​Costa: “Scritta la norma sullo stop all’immunità”​

Il Ministro dell'Ambiente si riferisce all'ex Ilva


Sul Il Fatto Quotidiano viene riportata un’affermazione
attribuita al ministro per l’Ambiente, Sergio Costa: “La norma sull’abolizione dell’immunità penale è scritta, deve andare in Parlamento”.
Si parla, ovviamente, di ex Ilva.
“Sono dati preoccupanti quelli analizzati nel corso di una riunione
tecnica tra il Dipartimento Ambiente della Regione e l’Arpa Puglia.
L’allarme lanciato dalle associazioni ambientaliste su un possibile
aumento inquinante dello stabilimento ex Ilva di Taranto, ora gruppo Arcelor-Mittal, secondo quanto reso noto nel corso dell’incontro
corrisponderebbe a verità.

Per cui invito il Ministero dell’Ambiente a
prenderne atto e mettere in campo ogni iniziativa possibile a riportare
nei limiti stabiliti e di sicurezza la quantità di tali inquinanti. La Regione
Puglia non può più tollerare tale situazione e tramite gli uffici preposti
chiederà un riesame dell’Aia e la riduzione dell’attività produttiva”.

E’ quanto sottolinea in una nota l’assessore regionale Gianni Stea a
margine della riunione cui hanno preso parte i massimi funzionari del
Dipartimento Ambiente della Regione e dell’Arpa Puglia.“In particolare – sottolinea Stea – con riferimento esclusivamente alla centralina
di rilevamento denominata cockeria, si è riscontrato un aumento delle
medie al primo bimestre gennaio-febbraio 2019, rispetto ad analogo
bimestre dell’anno precedente. Inoltre con riferimento ai dati dei composti organici, il valore medio di 7.7 riferito presso Masseria Carmine è
stato calcolato su una media di dieci mesi (gennaio-ottobre) e che allo
stato sembra attestarsi su ordini di grandezza tipici a quelli antecedenti
al 2012, ovvero al periodo pre-sequestro. Arpa
Puglia si è impegnata a inviare quanto prima
i dati completi di novembre e dicembre 2018
e i successivi del 2019. Il direttore ha chiesto
inoltre di acquisire informazioni sui deposimetri
utilizzati dal gestore per gli autocontrolli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche