Cronaca

​Processo Feudo, condanne pesanti per i vertici​

La decisione del Tribunale di Taranto

Blitz Feudo
Blitz Feudo

Condanne pesanti per i presunti capi del clan giudicato nel processo antimafia “Feudo”.
Il Tribunale di Taranto ha condannato con il rito ordinario a
ventiquattro anni Mimmo Bello e a ventitrè Carlo Mastrochicco.
Per i giudici Belllo e Mastrocchicco sarebbero stati gli esponenti
di spicco del gruppo mafioso che avrebbe dettato legge a Statte.
La sentenza di primo grado ha confermato quindi l’associazione
mafiosa.

Pena pesante anche per Cosimo Morrone che è stato
condannato a ventidue anni. Undici anni per Carmelo Dimauro,
nove per Salvatore Bonavota, sei anni e otto mesi per Giacarmelo
Vitacco, due anni e mezzo per Pietro De Vincentis e Giulio Castagna, due anni e quattro mesi per Catello Infante, due anni per
Valentino Buonomo.
Assolti Annamaria Buongiorno, Cosimo Caroli, Cataldo Marzella
ed Ettore Suppressa, difeso dall’avvocato Antonello Giannattasio
e Domenico Cugliari, assistito dall’avvocato Franz Pesare. Infine
per Pietro De Vincentis l’avvocato Giuseppe Sernia è riuscito a
dimostrare l’estraneità all’associazione dedita al contrabbando.
L’operazione “Feudo” era scattata nel 2016.

Carabinieri e Guardia
di Finanza avevano eseguito una raffica di ordinanze di custodia
cautelare. I provvedimenti erano stati emessi dal gip del Tribunale di Lecce su richiesta della Procura da presso la Direzione
Distrettuale Antimafia. Arresti perquisizioni e sequestri tra Statte,
Massafra e Taranto, precisamente in Città Vecchia e nei quartieri
dei Tamburi e Paolo VI. L’operazione era stata denominata “Feudo in quanto le attività investigative avevano evidenziato come il
territorio di Statte fosse stato assimilato ad un vero e proprio feudo
del gruppo criminale.
L’attività d’indagine, durata tre anni, era nata da un controllo
eseguito nei confronti di un professionista titolare di uno studio
contabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche