16 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 15 Maggio 2021 alle 14:20:20

Cronaca

​ArcelorMittal rassicura Confindustria​

Filcams e Fisascat: allarme per l’appalto pulizie industriali

ArcelorMittal

Nella sede della Camera di Commercio di Taranto, una
delegazione di ArcelorMittal Italia
rappresentata da Emmanuel Rodriguez
(Direttore Acquisti), Annalisa Pasquini (Direttore Risorse Umane), Philippe
Aubron (Direttore Finishing Taranto) e
Giorgio Battisti (Direttore Sicurezza)
è stata ricevuta dal Presidente di Confindustria Taranto, Vincenzo Cesareo,
il suo staff e numerose aziende e realtà
del territorio.

L’incontro è stato l’occasione per illustrare le regole di ingaggio
dei fornitori locali con ArcelorMittal.
La trasparenza, secondo le parole del
Direttore Acquisti di ArcelorMittal Italia Emmanuel Rodriguez, “rappresenta
il migliore strumento per instaurare
fiducia e comprensione”. Un rapporto
di fiducia che, continua Rodriguez,
“permetterà ai fornitori locali di diventare partners di un gruppo globale
leader nel settore”. Soddisfazione è
stata espressa, al termine dell’incontro, dal Presidente di Confindustria
Taranto Vincenzo Cesareo.

“Abbiamo
accolto con estremo favore, in questa
occasione, l’approccio chiaro e diretto
dei rappresentanti di ArcelorMittal
Italia. Siamo certi che lo scambio,
inteso come necessità di confronto
fra l’azienda e Confindustria, possa
proseguire anche nei mesi a venire, al
fine di ottimizzare ogni forma di collaborazione e poterne così monitorare
i ritorni e i benefici – a tutti i livelli,
economico, sociale ed ambientale – sul
territorio. Contestualmente, accogliamo con altrettanta fiducia la dichiarata
disponibilità di ArcelorMittal Italia
a dare continuità al rapporto con le
aziende dell’indotto locale, nel rispetto degli standard richiesti e nel solco già tracciato in anni di consolidato
rapporto fra il centro siderurgico e le
nostre imprese”.

Intanto, si legge in una nota sindacale,
la vertenza ingaggiata da Filcams Cgil
e Fisascat Cisl a sostegno dei lavoratori dell’impresa di pulizie industriali
all’interno dell’impianto di Arcelor
Mittal, Ecologica Spa Gruppo Miccolis sembra arenarsi di fronte ad un potetico stallo delle commesse.
La risposta giunta dall’azienda dopo
le richieste economiche e di riconoscimento di alcuni diritti base per i 140
dipendenti del gruppo, purtroppo non
lascia ampi spazi di manovra – spiegano Paola Fresi (Filcams) e Antonio
Arcadio (Fisascat) – per sfuggire alle
responsabilità sociali l’azienda apre la
strada, di fatto, ad una possibile riacutizzazione del confronto che invece
avremmo voluto si sviluppasse sul
piano del merito e delle cose possibili
e non sulla fantasia.
Cose possibili che secondo le due
organizzazioni sindacali si arenano
di fronte al termine di un appalto, in
scadenza il prossimo 31 di marzo,
utilizzato come schermo di impraticabilità di quelle richieste.
Peccato – continuano Fresi e Arcadio
– che proprio ieri i vertici di Arcelor
Mittal incontrando i rappresentanti
territoriali di Confindustria abbiamo,
invece, garantito continuità (come già
accade da tempo) negli appalti che
riguardano le imprese territoriali.
Di fronte all’atteggiamento di chiusura
da parte dell’azienda non possiamo
arretrare – dicono – per tale ragione
formalizzeremo nei prossimi giorni
un’altra richiesta di incontro e in caso
di ulteriore diniego saremo pronti a
dichiarare lo stato di agitazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche