09 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 09 Maggio 2021 alle 18:23:49

Cronaca

​Via libera al piano per la sanificazione e la deblattizzazione​

Multe salate per chi non effettua gli interventi


Via libera all’ordinanza dirigenziale
del Comune che dà avvio alla programmazione
di sanificazione e deblattizzazione.

«L’amministrazione comunale e l’Aqp hanno
avviato le azioni per contrastare la proliferazione
di ratti, blatte e insetti nocivi per prevenire e
contrastare fenomeni pericolosi per la salute
per l’uomo e per gli animali e per l’igiene
pubblica. L’ordinanza – spiegano da Palazzo di
Città – si rivolge ad amministratori condominiali,
proprietari di singoli fabbricati, titolari di
depositi di rifiuti, materiali organico, che sono
obbligati ad interventi di deblattizzazione
e sanificazione. Per chi non ottempera, la
sanzione ammonta a 500 euro. Almeno due
gli interventi, secondo il provvedimento
dirigenziale, da effettuarsi durante l’anno, di
cui uno in concomitanza con le operazioni
dell’Aqp e l’altro da programmare entro il 31
ottobre.

La misura obbliga gli amministratori
di condominio, nonché i proprietari dei singoli fabbricati, a trasmettere all’indirizzo mail
della Direzione Ambiente (deblattizzazione@
comune.taranto.it) la certificazione attestante
l’avvenuta deblatizzazione delle reti fognarie e
delle fosse settiche condominiali, nonché delle
griglie di raccolta delle acque attinenti alle parti
comuni di pertinenza dei singoli condomini,
rilasciata da ditta specializzata nel settore, entro
quindici giorni dall’avvenuta deblattizzazione.
La Polizia locale e l’Asl verificheranno il rispetto
dell’ordinanza e a loro spetterà l’accertamento
delle violazioni e l’applicazione delle sanzioni».
«Proseguiamo con il lavoro fatto già lo scorso
anno – commenta l’assessore all’ambiente
Francesca Viggiano – e chiediamo collaborazione
di amministratori dei condomini e dei proprietari
degli immobili. Sul tema registriamo massima
sinergia fra Amministrazione, Aqp e Amiu.
La programmazione di questi interventi serve
a gestire la situazione con la giusta tempistica
per aumentarne l’efficacia».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche