28 Novembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 28 Novembre 2021 alle 17:57:00

Cronaca

Ivan, la verità ancora non c’è. Oggi l’ultimo saluto


TARANTO, 17/07/03 BORGATA DI TARANTO TALSANO

 

Ivan, la verità ancora non c’è. Tra 60 giorni sarà depositato l’esito degli esami istologici e tossicologici, eseguiti durante l’autopsia del 16enne rumeno, morto dopo una lite con coetaneo.

 

Intanto oggi, alle 15.30, nella chiesa Madonna di Fatima di Talsano, l’ultimo saluto allo sfortunato ragazzo che frequentava la scuola media nella borgata tarantina. Il medico legale, dottor Antonio Carusi, ha accertato che Ivan ha subito alcuni colpi nel corso di una colluttazione. 
Le cause della morte a quanto pare non possono essere riconducibili al lieve trauma cranico e alle lesioni superficiali sulla parte destra del volto che sono state riscontrate durante l’esame autoptico disposto dal pm del Tribunale per i minorenni, dott.ssa Silvia Nastasia. Pare, inoltre, che il minore soffrisse di una lieve patologia cardiaca. Il coetaneo con il quale il romeno aveva litigato è stato denunciato per omicidio preterintenzionale. E’ difeso dall’avvocato Rosario Orlando.

I familiari di Ivan si sono costituiti parte civile tramite gli avvocati Maurizio Di Noi e Maurizio Besio. Il medico legale nominato dalla famiglia delle vittima è il dottor Jimmy Carbotti, quello dell’indagato invece è il dottor Massimo Sarcinella. Una banale lite si è trasformata in tragedia la sera del 30 dicembre scorso a Talsano.

E’ costata la vita al sedicenne romeno, residente nella borgata da quattro anni.

 

E’ stato un dipendente di un istituto di vigilanza a telefonare alla sala operativa della Questura segnalando in viale Europa, nei pressi dei un esercizio commerciale, la presenza di un giovane riverso sul marciapiede antistante. Sul posto i poliziotti della Squadra Volante e i soccorritori del 118. Il ragazzo è stato subito trasportato all’ospedale “SS. Annunziata” dove, purtroppo, è giunto cadavere.

 

Le indagini da parte degli agenti della Mobile coordinate dalla pm Nastasia, hanno consentito di accertare che la vittima, verso alle 20.30 mentre si trovava in via Cacace con alcuni suoi coetanei, aveva avuto un litigio con uno di loro. Subito dopo il sedicenne romeno si era allontanato in compagnia di un suo amico al quale aveva confidato di non sentirsi bene, per poi accasciarsi dopo alcuni metri, privo di sensi. Al termine degli accertamenti è veniva rintracciato un giovane, incensurato, con il quale la vittima aveva avuto l’alterco.

Il giovane deceduto, giunto in Italia da circa 4 anni insieme alla madre, frequentava la scuola media di Talsano. Dalle indagini condotte dagli investigatori della Squadra Mobile alla base della tragedia una lite tra alcuni amici. Una scazzottata per futili motivi.  Risultati inutili tutti i tentativi dei sanitari, che hanno fatto di tutto per salvare la vita al 16enne.

 

E subito dopo, poco dopo la mezzanotte, grazie alle testimonianze di alcuni passanti e di altri amici che hanno assiutito alla lite la Polizia è risalita al minorenne che ha litigato con Ivan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche