22 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 22 Ottobre 2020 alle 16:48:29

Cronaca

​Ora il premier Conte difende Di Maio​

I Genitori Tarantini denunciano: siamo stati minacciati


«Per l’Ilva di Taranto
Di Maio ha fatto l’impossibile, a
gara già aggiudicata è riuscito a
ottenere la piena occupazione dei
lavoratori e un piano più efficace
per la tutela ambientale». Così
il premier Conte nell’incontro a
Lecce con i giornalisti.

«Come
avvocato mi sono complimentato
con lui», continua il presidente del
consiglio che poi ammette: «Siamo
perfettamente consapevoli che il
problema della salute rimane e che
dobbiamo intervenire ancora più
efficacemente».
Parole, quelle del presidente del
consiglio, che hanno fatto discutere. Perchè, se «il problema della
salute rimane», è chiaro che quei
«complimenti» al vicepremier e
ministro dello Sviluppo Econonico
non possono che risultare indigesti
ai tarantini, e non solo a quelli che
hanno votato Cinquestelle o che si
riconoscono, o si riconoscevano,
nel Movimento fondato da Beppe
Grillo e Casaleggio senior.
Intanto, su Facebook si registra
una denuncia dell’associazione
“Genitori Tarantini”: «la Presidente dell’Associazione Genitori
tarantini ha ricevuto una telefonata
contenente minacce nei suoi confronti e nei confronti di un altro
componente del Direttivo.
Non riusciamo a capire quali motivi possano spingere ignoti fino
al punto di rivolgere minacce di
stampo delinquenziale, soprattutto
se i destinatari di tali intimidazioni
sono persone impegnate nella difficile lotta a favore dell’ambiente
e della vita. Tuttavia, l’episodio è
stato prontamente denunciato alle
forze dell’ordine per le indagini
del caso.

L’Associazione Genitori
tarantini, solidale con la Presidente
e l’intero Direttivo, è immune alle
provocazioni e continuerà lungo la
stessa strada tracciata cinque anni
fa. Così non si colpisce solo un’associazione, ma l’intero movimento
che si batte per il ripristino della
giustizia nella nostra martoriata
provincia».

Tra i commenti, «Giustizia per Taranto condanna il gesto
ed esprime solidarietà alla presidente dell’associazione Genitori
Tarantini», «A nome delle Acli di
Taranto – dice Giuseppe Mastrocinque – esprimo la mia solidarietà alla
presidente dell’associazione Genitori Tarantini. Questo gesto vile è
la dimostrazione che si comincia a
dare fastidio a qualcuno e, proprio
per tale motivo, ci deve dare la
forza di continuare la battaglia per
la rinascita di Taranto con ancora
piu’ convinzione», «Solidarietà»
da Annamaria Moschetti, «Siamo
sempre stati contrari ad ogni forma
di violenza ed intimidazione, tipici
di un sistema mafioso che ancora oggi non smette di cercare di intimidire chi lotta per questa terra.
Forse chi minaccia è nervoso,
infastidito da chi cerca di operare
nel sociale senza interessi privati o
voglia di poltrone. Come associazione siamo al fianco dei Genitori
Tarantini e di tutte quelle persone
che cercano di rendere questo mondo un posto migliore» (LiberiAmo
Taranto).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche