02 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 01 Dicembre 2021 alle 20:15:00

Cronaca

Rivoluzione al Comune, il Sindaco svela i suoi piani


 

Archiviate le primarie di Pd e Sel il sindaco Stefàno ha probabilmente compreso come il voto rischi di cancellare anche la sua amministrazione.

 

Per questo si è dato subito da fare per rilanciare la sua azione politica e amministrativa. In questo senso, lancia quella che sembra essere, a tutti gli effetti, una rivoluzione (gentile, s’intende). In una nostra intervista, infatti, il primo cittadino svela le prossime mosse che promettono di rivoluzionare, appunto, la gestione dell’Ente. Dai nuovi vertici di Amat ed Amiu al mini-rimpasto di Giunta che dovrebbe coinvolgere ulteriori tecnici.

 

Sindaco, ci sono oltre cento persone che attendono novità dal bando per le nomine nei Consigli di Amministrazione di Amat e Amiu. A che punto è l’iter?
“Ho già dato mandato al segretario generale di passare in rassegna tutte le domande pervenute per valutare gli idonei”.

 

Sarà lei a decidere i prossimi amministratori delle ex municipalizzate?
“No, perché dopo lo screening degli idonei, ci sarà una commissione che dovrà dare una valutazione, con tanto di punteggio, a tutti candidati. Sarà quella graduatoria a decidere i nuovi vertici di Amat e Amiu, non io. L’obiettivo è quello di rendere il più trasparente possibile le scelte dell’Amministrazione comunale”.

Però almeno potrà scegliersi gli assessori. A proposito, a che punto siamo con le nomine? Ne restano ancora due per completare la Giunta.
“Siamo quasi al completo. Per quanto riguarda la delega ai Lavori Pubblici posso dire che Lucio Lonoce è già operativo. A breve ci dovrebbe essere la firma del decreto di nomina, un fatto puramente formale”.

 

L’altra, al momento scoperta, è quella alle Attività Produttive. Una delle deleghe “pesanti”.
“Da La Puglia per Vendola non ho ancora ricevuto risposta. Forse c’è stato un po’ di ritardo nella consegna della posta dettata dal periodo natalizio”.

 

C’è del sarcasmo nelle sue parole…
“Io sono pronto. Aspetto una risposta. Di più non posso fare”.

 

Ma ci sono anche dei “contratti in scadenza”. A giorni, infatti, terminerà il mandato, di sei mesi, degli assessori Antonella Carella e Barbara Scozzi. Ha intenzione di riconfermare le deleghe?
“Per i tecnici sto aspettando. E’ mio intento organizzare una conferenza stampa per presentare il lavoro svolto dai due assessori. Una sorta di bilancio del loro operato”.

 

Certo, ma non ci ha detto se le riconfermerà o meno.
“L’idea sarebbe quella di proseguire con una rotazione tra i professionisti tarantini. Ad ogni modo bisognerà valutare il lavoro svolto da Carella e Scozzi. Se ci sarà bisogno di altri venti giorni per portare a compimento uno degli obiettivi prestabiliti non avrò problemi a prolungare di poco il loro mandato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche