08 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 08 Maggio 2021 alle 08:30:10

Cronaca

​Barche, sequestrato deposito abusivo​

Sigilli a container adibiti a spogliatoio e a servizi igienici


Sotto sequestro
un’area adibita a deposito abusivo
di barche.

Un tratto di costa all’altezza di
viale Virgilio era stato trasformato
in area di rimessaggio di unità da
diporto. E’ ciò che hanno scoperto
i militari della Guardia Costiera
impegnati in attività di controllo
del territorio.
L’area estesa per oltre 1300 metri
quadrati, interamente ricadente
su pubblico demanio marittimo,
in parte asfaltata e in parte resa
carrabile con pietrisco, era stata
occupata abusivamente al fine di
realizzare un rimessaggio abusivo
di imbarcazioni.

Trentotto le unità nautiche rinvenute all’interno dell’area al momento
del controllo, tutte sistemate su
carrelli o strutture metalliche di
sostegno, oltre a sei carrelli stradali
per il trasporto delle unità, due container adibiti a spogliatoio/servizi
igienici e materiale vario per le
lavorazioni nautiche.
La Capitaneria di porto ha subito
informato la Procura dell’attività
in corso.
L’intera area è stata posta sotto
sequestro e la Guardia Costiera
ha contestato, per ora a carico di
ignoti, il reato di occupazione demaniale abusiva.
I militari hanno intimato l’immediata rimozione di tutte le unità
nautiche custodite abusivamente
nell’area.

L’attività investigativa proseguirà
nei prossimi giorni sia per risalire
ai responsabili delle attività abusive
messe in campo, sia per l’accertamento di eventuali ulteriori ipotesi
di reato connesse all’occupazione
abusiva accertata dalla Guardia
costiera.
“Un altro tratto di costa della città,
di particolare pregio per ubicazione
e caratteristiche naturali, è stato
quindi restituito alla libera fruizione della collettività, in quella continua azione di recupero ambientale del territorio che è obiettivo
prioritario della Guardia Costiera di Taranto, diretta dal capitano di
vascello Giorgio Castronuovo” si
legge in una nota della Capitaneria
di Porto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche