17 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 17 Maggio 2021 alle 17:53:40

Cronaca

​Le scuole Deledda e De Carolis​ chiuse fino alla fine dell’anno scolastico

Gli alunni costretti ai doppi turni fino a giugno


Un epilogo amaro. Le scuole
Deledda e De Carolis non riapriranno più.
Resteranno chiuse fino alla fine dell’anno
scolastico.

I giovanissimi studenti del rione
Tamburi saranno quindi costretti a concludere l’anno con i doppi turni, dispersi tra i
plessi Vico, Gabelli, Giusti. Sono comunque
al vaglio altre soluzioni per evitare il turno
pomeridiano.
A questa decisione è arrivato il sindaco Rinaldo Melucci che nella giornata di venerdì
29 marzo ha emanato una nuova ordinanza
dopo quella con la quale il 2 marzo scorso
aveva ordinato la chiusura precauzionale delle due scuole a seguito del sequestro da parte
della Procura delle collinette ecologiche, cioè
le barriere vegetali anti-polvere minerale oggi
considerate una discarica di rifiuti industriali.

Perché la chiusura fino alla fine dell’anno
scolastico? In quest’ultima ordinanza si spiega che «ad oggi è necessario prorogare i termini (quelli della precedente ordinanza, che
indicava nel 31 marzo la scadenza imposta
all’Arpa per eseguire le indagini mirate ad
accertare la qualità dell’aria nei due plessi
scolastici che sorgono proprio accanto alle
collinette, ndr) data la necessità di continuare
il monitoraggio della qualità dell’aria e che
allo stato attuale non vi sono nuovi elementi
che fanno presupporre motivazioni per caducare il provvedimento sindacale, anche alla
luce delle evidenze emerse nell’ambito dei
tavoli di confronto tenutisi sulla questione legata alle collinette ecologiche».
Quindi: non ci sono i dati dell’Arpa – ulteriormente sollecitata nei giorni scorsi – e in attesa (se non verranno meno le condizioni) le
scuole continueranno a restare chiuse. Nella
stessa giornata di venerdì 29 a Palazzo di Città si è tenuto un incontro tra i rappresentanti
dell’amministrazione comunale e i dirigenti scolastici per programmare il prosieguo
dell’attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche