29 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 29 Luglio 2021 alle 21:59:00

Cronaca

I detenuti diventano muratori

Venerdì l’incontro conclusivo alla casa circondariale con l’assessore regionale Leo


In carcere si può anche diventare muratori: il Formedil
Cpt Taranto, infatti, ha appena
concluso il corso riservato a 10
detenuti per la figura di “operatore per la realizzazione di opere
murarie”, finanziato dalla Regione
Puglia nell’ambito dell’ avviso n.
1/2017 del Por Puglia.
Si è trattato di un’esperienza impegnativa ed importante, che ha potuto contare sul sostegno convinto e
costante della direzione della casa
circondariale di Taranto, sul lavoro di un team di progetto molto qualificato e su una forte motivazione
dei partecipanti.

Il corso, della durata di 900 ore, di
cui 600 destinate alle esercitazioni
pratiche, ha consentito di qualificare i corsisti in varie tipologie di
lavorazioni edili, consentendo loro
di imparare sul campo e di contribuire, grazie al percorso formativo,
alla manutenzione di alcune parti
dell’edificio penitenziario.
Essi potranno presto utilizzare
queste competenze in lavori interni all’Istituto e, a conclusione del periodo detentivo, potranno contrare
su un’opportunità in più di reinserimento sociale e lavorativo. Non
solo, avranno anche la possibilità
di riprendere il percorso scolastico
ai fini del conseguimento di un
titolo di studio.
Il percorso didattico, insieme alle
finalità professionalizzanti, ha contestualmente offerto un adeguato
sostegno ai processi di rieducazione e di reinserimento sociale.

Domani, venerdì 5 aprile, alle ore 10, nei locali della casa circondariale di Taranto (via Carmelo
Magli, 1) si terrà l’incontro conclusivo per tracciare un bilancio
dell’attività svolta.
Interverranno l’assessore regionale alla Formazione Professionale
Sebastiano Leo, la dirigente della
Regione Puglia responsabile del
progetto Anna Rosa Squicciarini,
la direttrice della Casa Circondariale di Taranto Stefania Baldassari, i vertici del Formedil Cpt
Taranto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche