17 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 17 Ottobre 2021 alle 14:59:00

Cronaca

​«Sbagliato blindare quell’appalto per vent’anni»​

​Confindustria critica la scelta del Comune di Taranto ​


«La manutenzione
degli impianti scolastici nelle
mani di un unico concessionario,
(un’azienda non del territorio), per
vent’anni; una fetta di mercato di
fatto “blindata” e preclusa alle altre
imprese. Il tutto, dopo l’avvio di
una procedura di gara i cui oneri
non hanno consentito ad alcuna
impresa di avanzare la propria
candidatura. Si potrebbe così riassumere una vicenda che, nata circa
cinque anni fa, si ripropone in questi giorni con una serie di incognite
meritevoli di attenta riflessione».
Confindustria Taranto analizza la
procedura riguardante riguardante l’affidamento degli interventi
di manutenzione degli impianti
scolastici.

Il Comune di Taranto
ha recentemente preso in esame,
riportandolo in auge, un progetto di
finanza riguardante l’adeguamento
e la manutenzione degli impianti
degli edifici scolastici ricadenti sul
territorio comunale.
«Si tratta, in buona sostanza, dello
stesso progetto che cinque anni
fa, dopo il passaggio in Giunta (al
governo della città era ancora il
sindaco Stefano) era stato sospeso
dal consiglio comunale che aveva
richiesto, sullo stesso, approfondimenti ulteriori – spiegano gli
industriali tarantini – Quella pratica
è rimasta nel cassetto per anni,
fino a quando la Direzione Lavori
Pubblici, su mandato dell’attuale
Giunta, ha ritenuto di riconsiderare
la proposta, stavolta però senza farla passare dal consiglio comunale.

L’azienda proponente il progetto
ha previsto la manutenzione e
l’adeguamento normativo degli
impianti di tutti gli edifici scolastici tarantini (poco meno di una
sessantina), per venti anni. Cosa è successo? Nei giorni scorsi la gara
per l’aggiudicazione dell’affidatario
non ha fatto registrare alcuna candidatura da parte di altre aziende. E
fin qui verrebbe da obiettare che le
imprese locali evidentemente non
abbiano ritenuto di avere i requisiti successo? Nei giorni scorsi la gara
per l’aggiudicazione dell’affidatario
non ha fatto registrare alcuna candidatura da parte di altre aziende. E
fin qui verrebbe da obiettare che le
imprese locali evidentemente non
abbiano ritenuto di avere i requisiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche