28 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 28 Ottobre 2020 alle 11:48:46

Cronaca

​«Il Comune non può essere lasciato solo»​

Bitetti, Cotugno e Mele “chiamano” il governo nazionale


«Sono ore probabilmente decisive per il futuro della
città di Taranto e della provincia
ionica.
L’ultimatum del sindaco Melucci
che chiede il conforto dei dati
scientifici prima di assumere importanti decisioni riguardanti lo
stabilimento siderurgico impone
l’assunzione di responsabilità da
parte di tutti i soggetti istituzionali
interessati.
E’ in particolare il governo nazionale, finora assente ingiustificato, a
dover assumere l’iniziativa facendo
conoscere la sua posizione. E deve
farlo proprio in questo frangente,
perché ogni atteggiamento pilatesco sarà giudicato dai tarantini
come segno distintivo del disinteresse del sistema Paese, e delle sue
istituzioni, nei confronti di una comunità alle prese con un’emergenza
sociale senza precedenti».

Ad esprimersi sono Piero Bitetti,
Mimmo Cotugno e Vittorio Mele
per i gruppi Taranto Futuro Prossimo e Taranto Bene Comune.
«Del resto – continuano – la gestione del passaggio di proprietà
del sito siderurgico, avviata con
il precedente governo, è stata di
fatto perfezionata proprio negli
ultimi mesi, con scelte dell’attuale
compagine governativa che hanno
legittimato quanto era stato già
deciso.
In questo senso possiamo affermare
che vi è stata continuità nelle scelte
di politica industriale, al di là delle
facili promesse elettorali che si
sono miseramente infrante contro il muro della realtà dei fatti.
Noi abbiamo ribadito, anche recentemente, che il primato della salute
non può essere messo in discussione anche se abbiamo creduto,
e lo abbiamo riconosciuto pubblicamente, al percorso politico che
mirava a rendere ecocompatibile
la fabbrica. Se questo percorso è
fallito – e la scienza ci dirà in tal
senso una. parola definitiva – noi
ne prenderemo atto e si aprirà una
nuova e storica fase per la comunità
ionica.
Una ragione in più per dire al governo di battere un colpo. Perché
una cosa è certa: il Comune di Taranto non può essere lasciato solo»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche