13 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Maggio 2021 alle 18:30:05

Cronaca

Copertura parchi, altro step. Pronto con dieci giorni di anticipo il terzo arco

ArcelorMittal: «Faremo di Taranto lo stabilimento più avanzato d’Europa»


Altro importante step
per la copertura dei parchi minerali,
probabilmente l’opera più attesa del
piano di risanamento ambientale
dello stabilimento siderurgico.

È
stato infatti innalzato il terzo arco
dell’imponente struttura.
A darne notizia è Arcelor Mittal:
«È stato costruito, con 10 giorni di
anticipo, il terzo arco della copertura del Parco minerale del nostro
stabilimento di Taranto. Un’opera che – a lavori completati – avrà
un ruolo decisivo nel limitare la
dispersione di polveri verso la
città, in particolare nel quartiere
Tamburi».
«I minerali presenti nei parchi primari – è spiegato in una nota della
società – saranno infatti messi sotto
copertura entro la fine del 2019,
quasi 19 mesi prima della scadenza
stabilita dal Decreto del Presidente
del Consiglio del settembre 2017.
Entro maggio 2020 verrà invece
completata la copertura dei fossili: e
anche in questo caso saremo in anticipo rispetto al termine di scadenza
previsto dallo stesso Decreto».

Un altro step è all’orizzonte: «La
prossima scadenza è per il 30 aprile,
quando sarà completato il 50% della
struttura superiore della copertura
che accoglierà tutto il materiale presente nel parco minerale. Le attività
sono in corso nella parte più vicina al quartiere Tamburi».

«La copertura dei parchi – osserva
Arcelor Mittal – non è solo uno degli
interventi più importanti richiesti dall’Autorizzazione Integrata
Ambientale, ma anche parte del
Piano Ambientale più ambizioso di
sempre: un totale di 1.15 miliardi di
euro di investimenti entro il 2023
per un obiettivo, fare di Taranto
lo stabilimento più avanzato d’Europa».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche