20 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 20 Ottobre 2020 alle 06:40:48

Cronaca

​Vigili aggrediti, polemiche e ironia​

I commenti di Lega, Usb, Meloni e del comico Bizzarri


Polemiche, proposte e qualche infelice ironia sull’episodio accaduto mercoledì 3 aprile.

A
margine dell’episodio che ha visto coinvolti, nel pomeriggio di mercoledi 3 aprile, in via Cesare Battisti.
Come è noto, un esagitato ha aggredito cinque vigili
urbani, riuscendo poi a fuggire. Il video dell’aggressione è diventato virale sui social, battute e commenti
si sono sprecati, quasi sempre senza tener conto che
quattro dei cinque vigili erano neoassunti in fase di
addestramento e quindi sprovvisti delel dotazioni
standard.
Cominciamo dalle proposte. Arriva da Donatello
Borracci e Mimmo Lardiello (rispettivamente segretario provinciale e segretario cittadino della Lega/
Salvini premier) l’invito all’amministrazione comunale di dotare i vigili urbani di taser: «Chiediamo che
l’Amministrazione Comunale interrompa, almeno in
questo caso, l’inerzia atavica che la caratterizza ed
aderisca alla possibilità che viene data dall’art.19 del
Decreto Sicurezza, entrato in vigore già dal 4 Dicembre 2018, avviando la sperimentazione per l’utilizzo
del Taser (arma ad impulsi elettrici) da parte degli
agenti di Polizia Locale, in ossequio alla nuova facoltà prevista dal Decreto Sicurezza proprio con riferimento ai Comuni con popolazione superiore ai
100mila abitanti, una misura fortemente voluta dalla
Lega e dal Ministro degli Interni Salvini».

«Esprimiamo la nostra solidarietà e vicinanza al Corpo di Polizia Locale – affermano Borracci e Lardiello
– ed auspichiamo che l’assessore al ramo ed il sindaco Melucci piuttosto che esprimere dichiarazioni
fuori luogo e divisive rispetto al necessario rapporto
di collaborazione tra i cittadini e le forze di polizia,
si adoperino concretamente per far fronte ad una
crescente ed oggettiva sensazione di insicurezza che
si percepisce nelle strade di Taranto. Esistono nuovi strumenti legislativi, approvati con il presupposto
di far fronte a tali necessità e diffidiamo il Comune
ad adottarli, superando almeno per una volta freni e
steccati ideologici, rappresentando che sono già trascorsi più di quattro mesi dall’entrata in vigore della
nuova Legge, senza che nessuno a Palazzo di Città si
sia preoccupato di prendere provvedimenti».

Solidarietà ai vigili urbani arriva dall’Usb: «Nell’auspicare che questi lavoratori siano quanto prima messi in condizioni di operare in totale sicurezza ribadiamo la necessità di risolvere la problematica legata
al numero del personale in servizio che andrebbe
integrato con più unità e con più mezzi in dotazione per lo svolgimento del servizio nelle strade della
città. Nonostante ciò i colleghi che sono intervenuti,
in quel contesto non del tutto tranquillo, hanno dimostrato professionalità e lucidità, e solo grazie a questo
l’episodio si è concluso senza infortuni e con la denuncia dell’aggressore».

Vicinanza ai vigili urbani esprimono
anche consiglieri comunali Massimiliano Stellato e Gina Lupo: «Le scene di violenza, verbale e fisica, viste in
giro per i social media non fanno certo
onore all’autore ma devono creare forte indignazione alla maggior parte di
cittadini della nostra straordinaria città che tanto stanno faticando affinché
il capoluogo ionico si scrolli di dosso
l’immagine negativa che le note vicende, ambientali e giudiziarie, gli hanno
addossato. Tuttavia, tale episodio fa
emergere la necessità, ormai improcrastinabile, di abbinare agli agenti della
polizia municipale quelli delle forze
dell’ordine per restituire alla collettività una città più sicura. Perchè urla,
offese, calci e pugni fanno parte di un
film che nessuno di noi, cittadini perbene, vorrebbe mai vedere».

L’episodio ha avuto una eco anche nazionale. La leader di Fratelli d’Italia,
Giorgia Meloni, non usa mezzi termini. In un tweet ha scritto: «Follia
in strada a Taranto. La mia solidarietà
agli agenti della Polizia Locale aggrediti mentre tentavano di bloccare un individuo in evidente stato di alterazione.
E ora #tolleranzazero per questo delinquente». In verità è stato solo denunciato a piede libero.
Non è mancata l’ironia, non proprio
felice. Il comico Luca Bizzarri si
è espresso, anche lui, con un tweet:
«Ma…alla fine se ne va? Ma scusa…
(sto morendo dal ridere)».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche