12 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 12 Maggio 2021 alle 07:11:00

Cronaca

​Accoltellato durante una lite in Città Vecchia​

E’ accaduto la notte scorsa in un circolo ricreativo in via Duomo


Un uomo è stato ferito, a coltellate, nel corso di una violenta lite scoppiata all’interno di un circolo ricre­ativo in via Duomo, nella Città Vecchia. Il ferito è stato subito ricoverato presso l’ospedale Ss. Annunziata dove è giunto trasportato dai soccorritori del 118.

L’episodio è avvenuto la scorsa notte, in­torno all’una, durante un diverbio scop­piato per motivi che al momento non sono noti. Appena è stato dato l’allarme sul posto sono intervenuti un’ambulan­za del 118 e i carabinieri del comando provinciale. Delle indagini si stanno occupando i militari della Compagnia di Taranto i quali una volta piombati sul posto hanno messo in sicurezza l’area e hanno ascoltato persone che potrebbero aver fornito elementi utili alle indagini avviate per identificare l’accoltellatore che la notte scorsa a quanto pare avrebbe presi di mira il titolare del circolo. In queste ore gli investigatori della caserma di viale Virgilio stanno ricostruendo l’accaduto e non è escluso che a breve possano esserci sviluppi.

Intanto i carabinieri della Compagnia di Martina Franca hanno arrestato il pre­sunto complice del rapinatore che alla vigilia dell’Epifania ha messo a segno un colpo in una sala scommesse della Città del festival.

I militari della Sezione operativa del Nor della Compagnia hanno notificato una ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip del Tribunale di Taranto, ad un trentottenne, incensurato, martinese, ritenuto responsabile dei reati di rapina aggravata in concorso e di possesso illegale di pistola.

I fatti contestati riguardano la rapina compiuta il 5 gennaio scorso, presso una sala slot di Martina Franca quando tre malviventi, due dei quali con il volto coperto da passamontagna e uno arma­to di pistola, dopo aver fatto irruzione all’interno del centro scommesse, sotto la minaccia dell’arma si sono imposses­sati della somma di circa 9.000 euro. Si sono fatti consegnare i soldi dalla cassiera prima di dileguarsi a piedi nelle vie limitrofe, Subito dopo il raid, grazie ad una rapida attività d’indagine posta in essere dai carabinieri della locale Compagnia, attrerso l immagini dell’im­pianto di videosorveglianza del locale si è giunti subito all’identificazione di uno degli autori, un trentanovenne di Cisternino.

Il malfattore, fingendosi cliente, si era introdotto all’interno della sala scom­messe qualche minuto prima per poi aprire la porta ai due complici che hanno portato a termine l’azione criminosa.

L’uomo nel giro di poche ore è stato arrestato e condotto nella casa circon­dariale di Taranto.

Le indagini sonoo proseguite in manie­ra incessante allo scopo di identificare i complici del trentottenne della provincia di Brindisi I successivi accertamenti infatti hanno consentito di raccoglie­re elementi di colpevolezza a carico dell’incensirato martinese individuato nel rapinatore che impugnava la pistola al momento del colpo.

L’uomo, rintracciato presso la propria abitazione è stato dichioarato in arresto e, all’esito delle formalità di rito sotto­posto ai domiciliari.

Sono in corso le indagini per incastrare il terzo malvivente e per mettere le mani sulla piatola utilizzata per compiere la rapina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche