14 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Maggio 2021 alle 18:30:05

Cronaca

Blitz “Cortili”, venerdì i sei arrestati davanti al gip

​Interrogatorio per le persone coinvolte nell'operazione antidroga della Polizia​


Fissati per venerdì
mattina, dinanzi al gip del Tribunale di Taranto gli interrogatori, per
rogatoria, dei sei arrestati nel blitz
antidroga “ Cortili”.

Compariranno dinanzi al giudice
Giacomo Pulito, 33 anni, Ramona
Ottomano, 30, Comasia Stola, 26,
Renato Restano, 24, Antonio Stola, 28
e Vincenzo Ciaccia, 36.Nel collegio di
difesa gli avvocati Salvatore Maggio,
Valerio Diomaiuto, Pasquale Blasi e
Daniele Lombardi. I provvedimenti
restrittivi sono l’epilogo di indagini condotte dalla Squadra Mobile
avviate nel 2016 dopo l’arresto del
titolare di un’officina meccanica al
cui interno furono rinvenuti circa
11 chili di hashish, cocaina e marijuana. Le indagini hanno consentito
di individuare un gruppo che acquistava, trasportava e vendeva cocaina
e hashish ad un numero ingente di
acquirenti e a diversi spacciatori.
L’attività investigativa, condotta con
intercettazioni telefoniche e riprese
filmate, ha interessato il complesso di
case popolari noto come “I Cortili” e
situato in via Crispi dove sono ubicate
le abitazioni dei principali indagati.

Quelle case secondo l’accusa fungevano da vere e proprie centrali dello
spaccio.Numerosi acquirenti delle
sostanze stupefacenti erano soliti
recarsi all’interno dello stabile di via
Crispi e raggiungere a seconda delle
esigenze le abitazioni degli indagati,
ricevendo, anche in loro assenza,
precise indicazioni sulla persona alla quale rivolgersi per ricevere la droga.
Al ruolo ricoperto dai capi e promotori si accompagnava quello dei vari
“collaboratori” (loro stretti familiari),
che li affiancavano nella “gestione”
della piazza di spaccio, nonché quello
dei diversi pusher, incaricati di curare
le fasi di custodia, di gestione degli
acquirenti, di controllo delle aree
di vendita in ordine alla presenza di
forze dell’ordine e, infine, di recupero
delle somme dovute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche