09 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 09 Maggio 2021 alle 18:23:49

Cronaca

​“Attuazione Piano Ambientale, i dubbi sul presidente”, la replica di Giuseppe Lo Presti


Riceviamo e pubblichiamo una richiesta di rettifica:

«Spett. “Taranto Buonasera”

Ho appreso in questi giorni che nell’articolo “Attuazione Piano Ambientale, i dubbi sul presidente” pubblicato da codesto giornale (https://www.tarantobuonasera.it/news/cronaca/744082/attuazione-piano-ambientale-i-dubbi-sul-presidente) si riporta il testo di un comunicato genericamente attribuito alle “associazioni che si riconoscono in Piano Taranto” con pretestuosi riferimenti ad una presunta intercettazione che mi avrebbe coinvolto, della quale si allegano stralci di presunte trascrizioni, associandole ad alcune contestazioni in merito alla questione ILVA di Taranto e chiedendo in forza di tale fantasiosa ricostruzione, e non si comprende in base a quale sequenza logica, la rimozione dal ruolo pubblico che rivesto.

In merito preciso che nel corso della mia vita non sono mai stato indagato relativamente ad alcun procedimento penale, di qualsiasi tipo o natura, e non ho mai avuto visione di trascrizioni di intercettazioni che mi riguardavano, né ricordo di aver mai pronunciato le frasi capziosamente riportate nell’articolo. Immagino che i rappresentanti di queste fantomatiche associazioni, delle quale si riporta il comunicato, abbiano invece ascoltato con attenzione tali presunte registrazioni, a me ignote, naturalmente riconoscendo la mia voce (che presumo non conoscano). Io peraltro non ho mai contribuito a scrivere nessuna “norme porcata” come falsamente riportato nell’articolo, e sfido chiunque a dimostrare il contrario: dovrebbe esser noto che le norme le approva il Governo e il Parlamento, con il supporto degli Uffici legislativi. Io non ho mai fatto parte di nessuno di tali organi.

In conclusione si invita codesto giornale con immediatezza a pubblicare, la presente nota in calce all’articolo sopramensionato, quale confutazione dei contenuti dell’articolo medesimo. Questo in quanto i predetti contenuti sono palesemente diretti ad offendere e screditare gratuitamente la mia persona.

Qualora tale adempimento non venga posto in essere nel’immediato, e comunque non oltre due giorni dal ricevimento della presente, procederò ad inoltrare apposita querela alla competente autorità giudiziaria.

Giuseppe Lo Presti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche