11 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 11 Maggio 2021 alle 15:46:20

Cronaca

​«Furti e infezioni, sicurezza a rischio nei reparti tarantini»​

La denuncia del consigliere Perrini


«C’è un problema di sicurezza
negli ospedali di Taranto. Al Moscati vengono quotidianamente denunciati furti – di cui
sono in modo particolare vittime gli operatori
sanitari – sia nell’ospedale sia nel parcheggio:
portafogli, ma anche cd e oggetti anche di
poco valore che spariscono nel nulla, per
colpa della mancata sorveglianza».

A lanciare l’allarme è il consigliere regionale di Direzione Italia, Renato Perrini, che
sull’argomento ha presentato una interrogazione al presidente della Regione, Michele
Emiliano.
«Manca la sorveglianza anche nei reparti di
tutte le strutture, specie le più grandi, durante
l’ora delle visite quando è dato libero accesso
a chiunque ed è proprio in quei frangenti che
si registrano i furti più frequenti. Non solo, durante l’ora delle visite il flusso dei parenti
e amici ai pazienti – in modo particolare nei
Reparti di Ostetricia-Ginecologia – è talmente alto che mette a rischio anche la salute
stessa degli ammalati. Le stanze diventano
dei “suk” invivibili e pericolosi per le infezioni che possono venire dall’esterno. Avere
“vigilantes” che assicurano ingressi più controllati anche nei flussi è un servizio che la
Asl deve prevedere sia per evitare furti, sia
per evitare che dall’esterno vengano portate
all’interno infezioni. Per questo – conclude
Perrini – ho presentato un’interrogazione al
presidente della Regione, nonché assessore
alla Sanità, Michele Emiliano, per sensibilizzarlo alla problematica e per conoscere
quali disposizioni vengono date in merito
al direttore generale della Asl di Taranto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche