Cronaca

​Taranto beffato, tifosi inviperiti ​

​Il ricorso per la partita con il Picerno danneggia soltanto i rossoblù e apre la strada al Cerignola​


Una beffa. Non
c’è davvero altro modo per
definire il verdetto d’appello
per i fatti relativi a PicernoTaranto. Infatti il ‘secondo
grado’ della giustizia sportiva
ha inflitto tre punti di penalizzazione alla compagine
lucana, ma ha nel contempo
convalidato lo 0-0 sul campo,
non concedendo quindi partita vinta ai rossoblù.

Come
è noto, in quell’occasione tre
calciatori – Favetta, Manzo e
Croce – vennero aggrediti con
un tirapugni da uno steward,
e dovettero ricorrere alle cure
dei medici in ospedale. Una
versione sempre rigettata dal
Picerno, che proprio con quel
pareggio festeggiò la vittoria
del campionato. Adesso, però,
arriva la penalizzazione, che a
una giornata dal termine apre
uno spiraglio per il Cerignola,
secondo proprio a tre punti.
Il Taranto resta al terzo posto,
a quattro punti dalla vetta ed
un punto dietro al Cerignola:
particolare di non poco conto,
anche in ottica playoff.

Sul
web e sui social i tifosi hanno
fatto sentire la propria rabbia,
perchè la sentenza dimostra
– a differenza del primo grado – che a Picerno qualcosa
è successo, tanto da giustificare una sanzione comunque
importante come tre punti di
penalizzazione, ma non dando
alcun beneficio alla compagine
ionica, tranne la riduzione della squalifica inflitta a Croce,
che venne anche espulso in
quella gara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche